Home Attualità Puglia, Federalberghi contro abusivismo ed evasione fiscale: “Urge approvare emendamenti anti Airbnb”

Puglia, Federalberghi contro abusivismo ed evasione fiscale: “Urge approvare emendamenti anti Airbnb”

Appello del presidente di Federalberghi Puglia, Francesco Caizzi, rivolto ai parlamentari che si apprestano a votare la legge di bilancio.

{loadposition debug}

Un’analisi delle inserzioni presenti ad agosto 2016 sul portale Airbnb smaschererebbe definitivamente un mondo costruito su solide basi di abusivismo ed evasione fiscale. A sottolinearlo è Federalberghi Puglia che chiede alla commissione bilancio della Camera dei Deputati di approvare senza esitazioni gli emendamenti utili al contrasto di questo fenomeno.

“La Commissione bilancio della Camera dei Deputati deve approvare senza esitazioni gli emendamenti utili al contrasto dell’abusivismo e dell’evasione fiscale nel campo delle locazioni turistiche. Questa è l’unica risposta efficace perché la legalità trionfi nel settore della ricettività turistica e quello che è stato il nostro slogan sia coniugato nella realtà”. L’appello del presidente della Federalberghi Puglia, Francesco Caizzi, è rivolto ai parlamentari che si apprestano a votare la legge di bilancio.

“La questione Airbnb – chiarisce Caizzi – non può risolversi soltanto in un dibattito fra old e new economy che riempie le agende mediatiche italiane. Qui è in ballo la legalità e la tenuta di un settore, quello turistico, che, nel nostro Paese e nella nostra regione, si prospetta cruciale per l’intera economia”.

Il sommerso nel turismo, stando a quanto spiega Federalberghi, prosegue indisturbato la propria corsa ed è giunto a livelli talmente di guardia da generare una minor sicurezza sociale e il dilagare indiscriminato dell’evasione fiscale e del lavoro in nero. Gli alloggi in vendita su Airbnb nel 2016 sono 18.333 a fronte dei 26 del 2009. Nella provincia di Bari sono 2.759, a Lecce 10.360, a Brindisi 2.221, a Taranto 1.463, a Foggia 1.103, nella Bat 407.

Nella maggioranza dei casi, non si tratta di una fonte integrativa del reddito, ma di attività economiche a tutti gli effetti. Il 57,7% degli annunci sono pubblicati da persone che amministrano più alloggi. Non sono attività occasionali, perché la maggior parte (il 79,3%) degli annunci si riferisce ad alloggi disponibili per oltre sei mesi l’anno. E la decantata filosofia della condivisione con il proprietario sarebbe solo fumo negli occhi, perché la maggior parte degli annunci (70,2%) si riferisce all’affitto di interi appartamenti in cui non abita nessuno.

“I numeri della ricerca – prosegue il presidente degli albergatori pugliesi – ci consegnano la fotografia di un fenomeno dilagante, reso possibile dall’esistenza di decine di migliaia di alloggi che operano in completo spregio alla legislazione fiscale e alle altre norme che disciplinano lo svolgimento delle attività ricettive, danneggiando tanto le imprese turistiche tradizionali quanto coloro che gestiscono in modo corretto le nuove forme di accoglienza”.

“Non è necessario introdurre nuove tasse per contrastare l’evasione fiscale. – conclude Caizzi -. È sufficiente che tutti gli operatori paghino le tasse nella giusta misura e rispettino le regole poste a tutela dei consumatori, dei lavoratori, della sicurezza pubblica e del mercato. Va, quindi, nella giusta direzione la proposta di istituire un registro presso l’Agenzia delle Entrate, in cui si debbano iscrivere tutti i soggetti non imprenditori che gestiscono i cosiddetti affitti brevi, e al quale i portali debbano comunicare i dettagli delle transazioni”.

{facebookpopup}

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo