/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, “vite spezzate e giustizia”: Davigo, Emiliano e Stefanì incontrano gli studenti del Salvemini

Bari, “vite spezzate e giustizia”: Davigo, Emiliano e Stefanì incontrano gli studenti del Salvemini

"Vite spezzate" è il tema della nuova edizione de "L'edificio della memoria", progetto della cooperativa I bambini di Truffaut. All'incontro parteciperà anche il presidente dell'associazione nazionale magistrati.

Il presidente dell'Associazione nazionale magistrati, Piercamillo Davigo, arriva a Bari per parlare e confrontarsi con gli studenti delle scuole. Davigo dialogherà sul tema “Vite spezzate e giustizia” mercoledì 9 novembre nell’auditorium del liceo Salvemini di Bari (ore 10, via Prezzolini 9), assieme a Michele Emiliano, magistrato e presidente della Regione Puglia e Giovanni Stefanì, presidente del Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Bari. Modera Domenico Castellaneta, direttore di Repubblica Bari.

“Vite Spezzate” è il tema della nuova edizione de “L’edificio della memoria”, progetto sulla legalità nelle scuole ideato da Giancarlo Visitilli, presidente della cooperativa I bambini di Truffaut e dai magistrati Lilli Arbore e Marco Guida.

Davigo inaugura la sesta edizione de “L’edificio della memoria” che coinvolgerà più di 20 scuole di tutta la regione. Gli studenti incontreranno in classe testimoni diretti della storia recente e saranno coinvolti attivamente, con la guida di tutor (giornalisti, avvocati, magistrati, artisti), nella produzione di inchieste, corti cinematografici, racconti e rappresentazioni teatrali. Alla fine di un percorso che li porta a conoscere la “storia del presente”.

Il progetto ha come obiettivo l’impegno della memoria e la necessità di ricordare per formare i cittadini del domani. Vite spezzate, un nome e un aggettivo, che insieme formano un ossimoro. Le vite spezzate sono quelle dei bambini e degli adolescenti abbandonati a se stessi, degli uomini e delle donne privati dei loro diritti e caricati di un peso che spesso li sottomette all’obbedienza di regole e comportamenti che spezzano quel legame naturale con le leggi dello Stato.

“L’edificio della memoria” è nato nel 2011, su iniziativa dell’Associazione nazionale magistrati di Bari e con la collaborazione dell’Ordine degli Avvocati di Bari, della Cooperativa i Bambini di Truffaut e la partecipazione di numerose altre associazioni no profit.

 

Seguici su Facebook!

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.