Home Attualità Bari, aperto il cantiere del “teatro sul mare”

Bari, aperto il cantiere del “teatro sul mare”

Il teatro Margherita sarà restituito ai baresi entro il 2018 in una veste innovativa senza dimenticare il passato

{loadposition debug}
Il Margherita si trasforma e torna alle origini. Il teatro fondato sul mare nel lontano 1914 sarà restituito ai baresi insieme al polo delle arti contemporanee che include Sala Murat ed ex Mercato del pesce. Tutto dovrebbe essere pronto entro la fine del 2018. Solo per il teatro Margherita sono previsti da contratto 480 giorni di lavoro. I tre edifici comunicheranno tra di loro anche all’esterno tramite attraversamenti pedonali creando così una vera e piattaforma delle arti da quelle più antiche a quelle contemporanee. Tornando al teatro Margherita, Il progetto da 5 milioni di euro prevede il ripristino del basamento in pietra che sarà completamente ridisegnato seguendo però la traccia pre esistente. Verrà anche ripristinata la vecchia pedana lignea che collegava in origine l’edificio alla città. Particolare attenzione all’acustica: le pareti interne rivestite da materiali innovativi seppur esteticamente in linea con i caratteri storici architettonici del teatro. Un teatro che non sarà classico ma anzi aperto a diverse forme di arte soprattutto a quelle più contemporanee. Il foyer sarà aperto alla città grazie alla creazione di uno spazio tutto nuovo. Sarà restaurata la cupola della sala che non è stata pensata come come uno spazio scenico classico ma come una superficie piana in cui scena e platea si fondono. Previsto anche un nuovo accesso dalla torre scenica tramite una passerella luminosa. Nessun muro tra le balconate che saranno visibili da tutte le prospettive. Gli spazi, insomma, comunicheranno tra di loro. Non mancherà, come nel più classico dei teatri, un punto ristoro. [bt_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=r8fGYHhgZMY” width=”600″ height=”400″ responsive=”yes” autoplay=”no”][/bt_youtube]

{facebookpopup}

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo