Home Attualità Marò, Massimiliano Latorre resta in Italia.

Marò, Massimiliano Latorre resta in Italia.

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Latorre: “Grazie a chi non mi ha mai abbandonato”

{loadposition debug}

Il Marò Massimiliano Latorre resterà in Italia. Lo ha deciso oggi la Corte suprema di New Delhi. Il fuciliere rimarrà nel suo paese fino alla fine dell’ arbitrato internazionale all’ Aja, con le stesse condizioni già disposte per  Salvatore Girone. “In questi due anni non facili, questo è il secondo favorevole obiettivo raggiunto dopo il rientro in Italia del mio collega Girone – ha dichiarato Latorre – Colgo l’occasione per ringraziare ancora una volta il signor presidente della Repubblica per l’onore e la gioia che mi ha concesso nell’incontrarmi, oltre che tutti gli italiani, le associazioni d’Arma e gli amici dei social network che non mi hanno mai abbandonato, e che resteranno nel mio cuore per il resto della vita”. Soddisfatta la Farnesina: “Si tratta di un passaggio importante che riconosce l’impegno intrapreso dal governo italiano con il ricorso all’arbitrato internazionale per fare valere le ragioni dei nostri due Fucilieri di Marina”. 

 

 

{facebookpopup}N

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy
Cristina Ferrigni
Cristina Ferrigni, nata a Bari nel 1973, è giornalista professionista, redattrice per l’emittente tv “TELEBARI”, diretta da Maddalena Mazzitelli. Assegnata alla sezione "cronaca", ha realizzato servizi e inchieste sul crimine organizzato. Attualmente è impegnata anche nella conduzione dei Tg. E' stata impegnata all’estero, come Embedded nelle aree di crisi. Nel 2011 ha realizzato un reportage in Kosovo, al seguito dal Reggimento Artiglieria Terrestre “Trieste” di Foggia. Laureata in Lettere moderne, ha frequentato, presso l’Ordine dei Giornalisti della Puglia i corsi di “Cronaca Giudiziaria” e “Giornalismo e comunicazione in aree di crisi” (in collaborazione con lo Stato Maggiore della Difesa). Dal 2013 collabora con il web magazine su Difesa, Comunicazione e Cultura "DeArmas", diretto da G. Ranaldo.

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui