Home Attualità Bari, degrado a Largo Pashà. Melini: ‘Urge un’ordinanza sindacale’

Bari, degrado a Largo Pashà. Melini: ‘Urge un’ordinanza sindacale’

La consigliera comunale lancia l’allarme e invita il sindaco Decaro a non ignorare il problema

Degrado a Largo Pashà. L’allarme è lanciato dalla consigliera comunale Irma Melini, successivamente al sopralluogo effettuato sul posto con alcuni residenti e i colleghi Romito e Carrieri. È il Testo unico degli Enti locali – dichiara la Melini – a riconosce il potere al Sindaco di emanare un’ordinanza contingibile e urgente per intervenire in materia di incolumità pubblica, sicurezza urbana, tutela ambientale dall’inquinamento quando si trova di fronte a situazioni appunto urgenti ed imprevedibili, eccezionali e pericolose. Largo Pashà ha, quindi, tutte le caratteristiche per legittimare un’ordinanza sindacale. Dopo mesi, infatti, la zona si presenta ancora in uno stato di totale abbandono e di grave pericolo per l’incolumità pubblica. Nessun intervento di bonifica è stato effettuato. L’area risulta assolutamente abbandonata e nelle stesse condizioni di qualche mese fa quando denunciammo la discarica a cielo aperto con presenza di amianto. Aumentano i Rom con minori ormai stanziali proprio sulla parte del parcheggio destinato ad ospitare i migranti”.  [bt_slider uid=”1463571420-573c53dc38d1c” target=”_blank” width=”0″ crop=”no” thumbnail_width=”800″ thumbnail_height=”600″ show_title=”no” centered=”yes” arrows=”yes” pagination=”bullet” autoplay=”5000″ speed=”600″][bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/degrado1.jpg” title=”degrado1.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/degrado2.jpg” title=”degrado2.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/degrado3.jpg” title=”degrado3.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/degrado4.jpg” title=”degrado4.jpg” link=”” parent_tag=”slider”][/bt_slider]

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo