Home Attualità Politecnico, Università e Comune di Bari nel progetto ‘Passepartout’: sensori su droni...

Politecnico, Università e Comune di Bari nel progetto ‘Passepartout’: sensori su droni per controllo qualità dell’aria

Politecnico, Università degli Studi e Comune di Bari sono tra i 18 partner del progetto ‘Passepartout’, finanziato con 8.5 milioni di euro dall’Unione Europea per la realizzazione del primo sistema 3D per monitoraggio di gas inquinanti e tossici. I cittadini, tramite una app dedicata, potranno conoscere le aree urbane a maggior livello di inquinamento e quali sono i percorsi alternativi per evitare queste aree. Il finanziamento consentirà gli studi su sensori ottici di gas su stazioni fisse, mobili e su drone per il controllo della qualità dell’aria e dei processi industriali.

Il progetto ha una durata di 42 mesi e agli enti pugliesi spetteranno complessivamente 1,3 milioni di euro: 605mila al Politecnico, 620mila all’Università e 50mila al Comune di Bari. Delle due università baresi saranno impegnati il dipartimento Inter-ateneo Uniba-Poliba di Fisica, quello di Ingegneria Elettrica e dell’Informazione e il dipartimento di Meccanica, Matematica e Management del Politecnico di Bari.

Al progetto partecipano anche il Cork Institute of Technology in Irlanda, la Technical University di Vienna, la Technical University di Monaco e la azienda italiana Ecospray Technologies, leader nei sistemi di depurazione, idraulica navale e biocombustibili.

Sarà possibile ottenere informazioni in tempo reale sulla concentrazione di gas inquinanti, quali ossidi di azoto, anidride solforosa, ammoniaca, metano, monossido di carbonio, anidride carbonica e particolato atmosferico all’interno delle aree urbane. Parte delle attività di sperimentazione e validazione avranno luogo a Bari e sono già previsti test di sensori nel Campus universitario e nelle vicinanze del porto.

“Essere la prima città in cui verrà testato questo framework di sensori innovativi per il controllo della qualità dell’aria è motivo di orgoglio per la città di Bari”, afferma Eugenio Di Sciascio, vicesindaco di Bari con delega alla trasformazione digitale.

error: Contenuti protetti
Exit mobile version