Home Attualità Scuola, da febbraio in Puglia un ‘team Covid’ ogni 1.500 alunni. I...

Scuola, da febbraio in Puglia un ‘team Covid’ ogni 1.500 alunni. I sindacati: “Siamo soddisfatti”

Nelle scuole pugliesi saranno operativi dal primo febbraio i Toss, Team di Operatori Sanitari Scolastici Covid, costituiti, su base provinciale, dal referente Covid scolastico e da operatori sanitari nello standard di un operatore ogni 1.500 alunni tra 6 e 19 anni. Sarà inoltre realizzato un piano di screening con tampone con cadenza quindicinale per tutto il personale scolastico. Lo fanno sapere i sindacati Flc Cgil, Cisl e Uil Scuola della Puglia, che si dicono “soddisfatti”, dopo un incontro con l’Ufficio scolastico regionale e gli assessori regionali all’Istruzione, Sebastiano Leo, e alla Salute, Pierluigi Lopalco, sulla bozza di delibera per il rientro a scuola in sicurezza che sarà portata in Giunta. Proprio ieri, sempre per la scuola, la Giunta ha approvato il potenziamento del trasporto pubblico.

“Per la prima volta vediamo accolta una richiesta da noi avanzata già nella prima fase dell’epidemia, in quanto finalmente ci si muove nell’ottica della prevenzione quale condizione imprescindibile per la ripresa della didattica in presenza” dice la Flc Cgil. Dall’incontro è emerso anche che “verrà proposto agli organi competenti nazionali un piano di vaccinazione col quale il personale scolastico non va in coda agli ultra ottantenni, ma in parallelo, col canale della vaccinazione attraverso i Toss”.

“Considerato che il personale scolastico è inserito nel Piano di vaccinazione nella fase 2 se ad ‘alto rischio’ – dice la Cisl Scuola -, si ritiene che tale condizione sia la logica conseguenza del fatto che la scuola deve essere in presenza”.

“Riteniamo che dotare le scuole di una postazione sanitaria e del relativo personale – commenta la Uil Scuola – trasmetterebbe tranquillità al personale scolastico e alle famiglie, grazie alle competenze sanitarie che finora sono mancate, costringendo le scuole ad arrangiarsi facendo leva solo sul senso del dovere e sulla responsabilità dei propri lavoratori e delle proprie lavoratrici. Dell’intero impianto abbiamo criticato e non condiviso che la scuola dell’infanzia verrebbe tagliata fuori dal piano e ci auguriamo un ripensamento da parte degli assessori”.

Buon 48esimo Telebari!

Exit mobile version