Home Attualità Covid, Fidas Puglia: “La donazione di sangue non si ferma neanche in...

Covid, Fidas Puglia: “La donazione di sangue non si ferma neanche in zona rossa”

“Donare è un’azione volontaria, ma è anche un gesto utile al benessere di tutta la comunità e necessario per il nostro servizio sanitario”. Così Corrado Camporeale, presidente della Fidas Pugliese Donatori di Sangue, in risposta alle tante richieste pervenute dai donatori di sangue in merito alla possibilità di spostarsi all’interno del proprio Comune e tra Comuni.

Così come disposto dall’Ordinanza del Ministero della Salute del 12 marzo, da inizio di questa settimana la Puglia è inserita in zona rossa. Ormai, purtroppo, noti i divieti e le prescrizioni in misura di contenimento del contagio da Coronavirus. Nessuno di questi, però, incide sulla possibilità dei cittadini di donare sangue.

“I donatori possono continuare a donare sangue e plasma per garantire l’autosufficienza nazionale – ha confermato il presidente Camporeale – e, di conseguenza, sono liberi di uscire di casa per recarsi nei centri trasfusionali pubblici e associativi, naturalmente dotandosi di apposita autocertificazione. Come riportano le circolari pubblicate a marzo 2020, infatti, la donazione di sangue ed emocomponenti rientra tra le situazioni di necessità per le quali sono consentiti gli spostamenti e che quindi permettono ai donatori di spostarsi sia all’interno del proprio Comune che tra Comuni limitrofi. Come sempre, chiaramente – ha precisato il presidente di Fidas Pugliese – la donazione va prenotata e vanno rispettate le regole di sicurezza”.

 

Buon 48esimo Telebari!

Exit mobile version