Home Attualità Bari, l’assurda storia di Antonio: da 14 anni “casa sua” è un...

Bari, l’assurda storia di Antonio: da 14 anni “casa sua” è un box del mercato coperto di piazza Balenzano

Una storia talmente assurda che ci si mette qualche minuto prima di rendersi conto che, purtroppo, è tristemente vera. Antonio Ricci ha 63 anni e dal 2003 vive all’interno di un box del mercato coperto di piazza Balenzano, alle spalle della chiesa di Sant’Antonio.

Niente luce, niente acqua, niente corrente. Nessun tipo di riscaldamento d’inverno e nessun refrigerio d’estate. Probabilmente è un miracolo che Antonio sia ancora vivo. Gli abbiamo chiesto come abbia fatto a sopravvivere qualche mese fa, quando Bari è stata sorpresa da una violenta ondata di neve. Antonio, si è stretto nelle spalle, si è limitato a indicarci alcune coperte accatastate in un angolo del minuscolo box che da 14 anni è la sua casa. Vive con i pochi spiccioli che gli operatori del mercato gli donano, per aiutarlo a sopravvivere. Qualche volta, raccoglie indumenti per strada e cerca di venderli nel mercatino delle pulci. Di servizi igienici neanche a parlarne: Antonio utilizza i bagni del mercato.

Come se tutto questo non fosse abbastanza, Antonio, uomo di rara dignità, ci fa vedere il mazzo di chiavi che custodisce nelle tasche. Sono le chiavi di accesso a tutti i box del mercato. Possibile che nessuno ne sapesse nulla? Secondo gli operatori, a Palazzo di Città sono a conoscenza della situazione. “Effettuano spesso controlli nel mercato – ci raccontano- , Guarda caso i box sfitti sono sigillati, mentre quello di Antonio, no”.

Noi siamo stati da Antonio questa mattina. Nel tardo pomeriggio di oggi, dopo il servizio andato in onda nel corso del nostro telegiornale, sono stati da lui anche gli operatori del pronto intervento sociale.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo