/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, istituito tavolo regionale per l’inclusione Rom: la Puglia segue l’esempio dell’Emilia Romagna

Bari, istituito tavolo regionale per l’inclusione Rom: la Puglia segue l’esempio dell’Emilia Romagna

È stato istituito a Bari il primo tavolo regionale Rom, Sinti e Caminanti, finalizzato alla redazione della strategia regionale per l'inclusione delle popolazioni Rom. All'iniziativa, promossa dalla sezione Politiche per le migrazioni della Regione Puglia, hanno preso parte l'International Center of Interdisciplinary Studies on Migration dell'Università del Salento, che sul tema svolge un ruolo di assistenza tecnica per la Regione, e i responsabili delle associazioni impegnate territorialmente sulla tematica in oggetto.

Il tavolo regionale avrà il compito di assicurare una sinergica ed omogenea attuazione della strategia a livello territoriale e svolgerà una costante e capillare azione di informazione, sensibilizzazione e monitoraggio sulla declinazione degli obiettivi previsti nei singoli ambiti di riferimento della Strategia Nazionale: istruzione, formazione e promozione dell'accesso al lavoro, salute, soluzioni abitative di accesso alla casa. Il tavolo regionale, infine, dovrà elaborare e programmare "Piani locali di inclusione dei Rsc" per superare gli ostacoli e le forme di esclusione.

Tra le realtà presenti: Alteramente, Popoli e Culture, Incontra, Lumine, Nova, Croce Rossa, Santa Candida, Artezian, Il Nuovo Fantarca, Opera Nomadi, Solidaunia, Sportello dei Diritti, Comitato per la difesa dei diritti dei migranti, Fondazione Giovanni Paolo II, Romact, oltre alla Garante regionale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, Rosy Paparella.

Si tratta della seconda esperienza del genere a livello nazionale, dopo quella attivata in Emilia Romagna.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.