Home Attualità Vaccinazioni protette, 100 in un giorno ad Altamura. In tutta l’ASL oltre...

Vaccinazioni protette, 100 in un giorno ad Altamura. In tutta l’ASL oltre 3.500 dall’inizio della campagna

Ben 100 vaccinazioni protette in un giorno nell’ospedale di Altamura, oltre 3.500 dall’inizio della campagna vaccinale nei cinque presidi ospedalieri della ASL di Bari impegnati in questo tipo di operazioni. Si è tenuta oggi nel Fabio Perinei una delle sedute ‘speciali’ dedicate ai soggetti particolarmente sensibili, per i quali quella che per altri è una normale iniezione necessita invece di un ambiente ospedaliero attrezzato, sicuro e con personale esperto e preparato per rispondere alle emergenze. Si tratta in gran parte di persone allergiche o che hanno una storia di anafilassi: una precedente reazione anafilattica alla somministrazione di vaccino o di altra sostanza, soggetti con asma bronchiale in atto o soggetti affetti da mastocitosi, malattia rara che può provocare la liberazione di stamine e quindi un possibile shock anafilattico.

Storie che i medici di famiglia conoscono bene o che emergono in fase di anamnesi, al momento del colloquio con il medico vaccinatore, per cui è necessario programmare il percorso protetto. I casi vengono segnalati al Distretto Socio Sanitario o al Dipartimento di Prevenzione della ASL Bari che, d’intesa con le Direzioni ospedaliere, attivano la procedura. Nella ASL di Bari le sedute protette vengono organizzate negli ospedali Di Venere e San Paolo di Bari, e poi a Molfetta, Putignano e Altamura. Ad oggi sono state eseguite con questa modalità 3.569 vaccinazioni, tra prima e seconda dose, di cui 1.500 solamente nell’ospedale Di Venere sotto lo sguardo attento del dottor Claudio Petrillo, direttore dell’unità operativa di Anestesia e Rianimazione. Altre 552 sono state effettuate nel Don Tonino Bello di Molfetta, 400 nel San Paolo di Bari, 331 ad Altamura e 786 a Putignano.

A disposizione degli utenti un ambiente idoneo, un ambulatorio o una sala di rianimazione, alla presenza di un medico rianimatore e di infermieri esperti in tecniche di rianimazione. Sempre presente il carrello d’emergenza, il monitor per i parametri vitali e i presidi per il primo soccorso. Ad Altamura, in particolare, la Direzione sanitaria – con la dottoressa Annalisa Altomare in collaborazione con la dottoressa Marisa Simone e il dottor Carlo De Ruvo – ha utilizzato una sala dedicata e, per i ‘grandi numeri’, lo spazioso auditorium. “Tutto intorno alle persone c’è un ospedale attrezzato e personale esperto – spiega la dottoressa Laura Micucci, medico rianimatore dell’équipe del dottor Domenico Milella – per cui è possibile intervenire tempestivamente e per qualsiasi emergenza dovesse presentarsi. In queste sedute l’attesa post-vaccinazione è più lunga del solito, mezz’ora per i soggetti allergici e un’ora per chi ha avuto in precedenza uno shock anafilattico, proprio per verificare che non ci siano problemi e tutto si svolga in totale sicurezza e tranquillità”.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui