/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

San Nicola, ultimo giorno di festa: Amiu illumina i baresi sui tre miracoli che il Santo proprio non può fare

San Nicola, ultimo giorno di festa: Amiu illumina i baresi sui tre miracoli che il Santo proprio non può fare

La città di Bari si appresta a vivere l’ultimo giorno della festa di San Nicola, quello dedicato ai baresi. Al termine degli eventi e delle celebrazioni religiose in programma, dalle ore 22, la sagra verrà salutata dal suggestivo spettacolo dei fuori pirotecnici che, per il secondo giorno consecutivo, verranno esplosi dal molo Sant’Antonio. Anche oggi saranno migliaia le persone che affolleranno le vie del centro e per l’occasione Amiu, con un simpatico post pubblicato sulla propria pagina Facebook, ricorda alla cittadinanza i miracoli che San Nicola, pur affezionato alle tradizioni baresi, non può fare.

“Vi sveliamo un segreto – scrivono dalla municipalizzata -. San Nicola è grande, ma tre miracoli proprio non può farli”. Al primo posto, come prevedibile, si piazza il miracolo della birra che levita: “Se vi sedete a bere una birra o una bibita su una panchina, sulla muraglia o su un gradino, quando vi alzate la bottiglia o la lattina non vi seguiranno levitando, ma resteranno lì a insozzare la città e la festa”.

La medaglia d’argento è guadagnata dal miracolo dell’albero della focaccia: “Se quando finite di mangiare la focaccia buttate in terra i pomodorini e le olive, non crescerà l'albero delle focacce, ma resteranno lì in terra a insozzare la città e la festa”.

Trova posto sul podio anche il miracolo del giocatore di basket. “Anche se è sempre stato un vostro desiderio, San Nicola non vi farà diventare giocatori di basket professionisti in un secondo: quindi, evitate di provare a centrare i cestini da lontano o a tentare improbabili lanci di rifiuti in mare. Sarete delle schiappe comunque, ma i vostri rifiuti resteranno lì a insozzare la città e la festa”.

“Viva San Nicola e buona festa dei baresi a tutti”, concludono dall’Amiu. Nella speranza che l’elenco dei miracoli che il Santo non può fare possa in qualche maniera dare vita al prodigio di poter passeggiare, nella tarda serata di oggi, in una città magari non pulita, ma quantomeno meno sporca.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.