Home Attualità Bari, la lettera dei genitori di Stefano Fumarulo a un mese dalla...

Bari, la lettera dei genitori di Stefano Fumarulo a un mese dalla morte: “Sei stato una luminosa meteora trasformata in vivida stella”

A un mese dalla morte di Stefano Fumarulo, l’ex dirigente regionale stroncato da un malore all’età di 38 anni, i suoi genitori hanno scritto una splendida lettera per ricordare il loro amato figlio. 

 

“Caro Stefano, 

 

amattissimo nostro unico figlio. Nel giorno del tuo trigesimo ti ricordiamo con struggente rimpianto appena mitigato da alcune reminiscenze classiche. Così tuo padre si è paragonato a Priamo, per il “privilegio” di aver potuto vegliare le spoglie del suo Ettore nell’ultima notte che hai trascorso a casa nostra. Qualcuno ci ha ricordato il frammento di Menandro “…muor giovane chi agli dei è caro”. Né ci vergongniamo di aver pensato ai malinconici versi di Pianto Antico. Reminiscenze che però si sono rivelate nella loro più effimera consistenza quando trasferite dalla citazione salottiera alla imprevedibile e mostruosa realtà che, nella nostra veste di piccoli esseri umani, non riusciamo ancora a comprendere nel suo imperscrutabile disegno. Ma, se esiste una Suprema Entità – alla quale ogni uomo non può esimersi dal credere – che voglia compensare nell’aldilà quanto ti è stato sottratto nella tua troppo breve vita, siamo certi che Ti ha assegnato tra i Giusti un posto degno di chi, con grande generosità e rara onestà etica, ha servito e si è reso utile soprattutto a coloro che ne avessero più bisogno, lasciando una traccia del proprio valore già su questa terra come nelle parole di Manuel Velasco Suarez incise in una piazza di San Cristobal de Las Casas, in Chiapas: “el hombre vale por lo que sirve, no por lo que sabe menos por lo que tiene”. È banale dire che rimarrai per sempre nei nostri cuori.

Per i Tuoi genitori sei stato una luminosa meteora che si è trasformata in una vivida stella. Ammirandola in cielo tra le altre che hanno dato lustro all’Umanità, quale unico conforto potremo affermare con profonda commozione e malcelato orgoglio “…quella stella è nostro Figlio!”. 

 

mamma e papà

 

Che sentitamente ringraziano tutti coloro che hanno contribuito con le proprie testimonianze al ricordo del nostro piccolo grande Uomo”. 

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo