Home Attualità Bari, inaugurata la nuova sede di Psichiatria. Emiliano: “Il Policlinico sta tornando...

Bari, inaugurata la nuova sede di Psichiatria. Emiliano: “Il Policlinico sta tornando al suo antico splendore”

“Il nuovo reparto è essenziale, perché tutta la Regione Puglia converge in modo diretto su questa struttura per diverse e importantissime patologie, che cambiano la vita delle famiglie. La struttura è stata ristrutturata secondo criteri di massima modernità e rispetto delle persone. Il Policlinico man mano sta tornando al suo antico splendore”. Con queste parole il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha inaugurato questa mattina, nel Policlinico di Bari, la nuova sede di Psichiatria: un centro all’avanguardia per la ricerca e il trattamento delle psicosi, delle malattie dell’adolescenza, della disforia di genere e per il trattamento con ketamina per la depressione resistente.

 

“Proseguiremo con il reparto di Neurologia – ha proseguito il governatore – e poi continueremo ancora, finché non avremo finito. Le risorse economiche e la forza organizzativa prevedono che le cose vengano fatte gradualmente. Lo standard della ristrutturazione odierna riconcilia la struttura pubblica con le patologie che maggiormente sfuggono alla comprensione comune e che devono essere insieme trasparenti, rispettose dei diritti di ciascuno e forti. Perché vanno gestite con grande energia dagli stessi sanitari. Ringrazio tutti per aver partecipato a questa impresa, è stato uno sforzo comune e un lavoro che ha considerato i suggerimenti di tutti”.

 

La struttura è stata inaugurata dopo una complessa attività di riqualificazione architettonica rispettosa del modello originario. All’inaugurazione sono intervenuti Vitangelo Dattoli, direttore generale Azienda Ospedaliera Universitaria consorziale Policlinico di Bari, il professor Alessandro Bertolino, direttore della clinica psichiatrica Azienda Ospedaliera universitaria consorziale Policlinico di Bari, il professor Loreto Gesualdo, preside della Scuola di Medicina, e il professor Antonio Felice Uricchio, rettore dell’Università degli Studi di Bari.

[bt_slider uid=”1497102296-593bf7d82d49d” target=”_blank” width=”0″ crop=”no” thumbnail_width=”800″ thumbnail_height=”600″ show_title=”no” centered=”yes” arrows=”yes” pagination=”bullet” autoplay=”5000″ speed=”600″][bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/IMG_5572.JPG” title=”IMG_5572.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/IMG_5606.JPG” title=”IMG_5606.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/IMG_5585.JPG” title=”IMG_5585.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/IMG_5619.JPG” title=”IMG_5619.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/IMG_5647.JPG” title=”IMG_5647.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/IMG_5589.JPG” title=”IMG_5589.JPG” link=”” parent_tag=”slider”][/bt_slider]

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo