/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, scooter e poca pulizia nel parco del San Paolo. La denuncia: “Trattati come un quartiere di serie B”

Bari, scooter e poca pulizia nel parco del San Paolo. La denuncia: “Trattati come un quartiere di serie B”

“Continuano a giungermi lamentele e segnalazioni di irregolarità che accadono all'interno del parco Giovanni Paolo II del quartiere San Paolo di Bari. Nello specifico, i cittadini segnalano la quasi totale assenza di cestini portarifiuti e spegnicicche nelle vicinanze di panchine e giochi per bambini e lamentano la problematica di persone in scooter che attraversano il parco, spesso con a bordo più di 2 persone e senza casco”. La denuncia viene veicolata da Davide De Lucia, portavoce del Movimento 5 Stelle.

 

“Eppure negli ultimi anni l’amministrazione aveva deciso di chiudere alcuni varchi del parco e di installare delle telecamere di videosorveglianza, forse proprio per impedire il transito dei motocicli e limitare eventuali rischi di scippi e irregolarità – continua De Lucia -. Queste misure, solo in minima parte condivisibili, allo stato dei fatti risultano inefficienti, dato che il transito dei veicoli continua a verificarsi”.

 

“Il quartiere San Paolo continua ad essere trattato quasi come un quartiere secondario, dove i baresi convivono con cinghiali, sporcizia, inefficienza e maleducazione. Forse, se gli stessi problemi fossero accaduti al Parco 2 giugno, sarebbero stati presi urgenti provvedimenti per ripristinare la regolarità delle cose – conclude il pentastellato -. In ogni caso, la proposta del Movimento 5 Stelle è quella di installare i cestini portarifiuti, riaprire i varchi del parco ed installare dei paletti dissuasori, così da impedire il transito di motori e scooter. La riapertura dei varchi inoltre consentirebbe anche ai cittadini di poter attraversare il parco per raggiungere rapidamente la fermata del pullman, ora maggiormente distante a causa del perimetro da percorrere. Il Movimento 5 Stelle chiede nuovamente alla maggioranza delle misure per ripristinare legalità nel quartiere”.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.