/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Monopoli, riapre il parco giochi nel fossato delle mura antiche di via Cadorna: resterà chiuso solo la domenica

Monopoli, riapre il parco giochi nel fossato delle mura antiche di via Cadorna: resterà chiuso solo la domenica

Il parco giochi nel fossato delle mura antiche di via Cadorna a Monopoli riapre i battenti. Per tutto il periodo estivo il parco sarà aperto sette ore e mezzo al giorno, tutti i giorni dal lunedì al sabato: la mattina dalle ore 8.15 alle ore 11.45 e il pomeriggio dalle ore 16 alle ore 20. L’apertura sarà garantita grazie ai sei addetti al decoro degli spazi pubblici reclutati attraverso il bando Red (Reddito di Dignità).

 

Presentato alla città lo scorso anno, il riqualificato fossato delle antiche mura di via Cadorna ospita un’area attrezzata con l’installazione di alcuni giochi per bambini. In particolare, uno scivolo, un dondolo, un bilico a tre posti, due giochi a molla un’altalena e un pannello manipolativo lungo un percorso realizzato in cocciopesto, ciascuno su idonea area di gioco realizzata con pavimentazione antitrauma (caratterizzata da alcuni disegni geometrici sulla stessa tramite l’utilizzo di varie tonalità di verde). Tutta l’area è sistemata a verde tramite realizzazione di prato con gramigna e piantumazione di arbusti, compreso di impianto di irrigazione. Proiettori installati sulla cinta muraria (lato via Cadorna) e lampade su palo distribuite lungo il percorso illuminano la zona mentre una scala garantisce l’accesso dalla preesistente chiesa di San Matteo all’Arena (indicata da un pannello illustrativo tridimensionale). Completano l’intervento una gradinata con blocchi di tufo, l’installazione di una colonnina di distribuzione elettrica per aree esterne per consentire lo svolgimento di attività ricreative e piccoli eventi all’interno del parco stesso.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.