/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Uccelli selvatici curati dall’Osservatorio Faunistico Regionale liberati a Polignano. Pisicchio: “Evento eccezionale” - VIDEO

Uccelli selvatici curati dall’Osservatorio Faunistico Regionale liberati a Polignano. Pisicchio: “Evento eccezionale” - VIDEO

Ben 25 esemplari di avifauna recuperata e curata dagli esperti dell’Osservatorio Faunistico Regionale, con sede a Bitetto, sono stati liberati questa mattina a Polignano a Mare. Durante la cerimonia, cui ha assistito l’assessore alla Pianificazione territoriale, Alfonsino Pisicchio, sono stati liberati in natura 2 civette, 2 gufi comuni, 5 gheppi, 5 gabbiani reali, 1 gabbiano comune, 1 assiolo e 1 airone rosso.

 

Le operazioni sono state condotte in collaborazione con gli studiosi del dipartimento di Veterinaria dell’Università di Bari, coordinati dal prof. Antonio Camarda. Per il comune di Polignano era presente l’assessore Chiara Pepe, per la Guardia Costiera il capitano Tommaso Capodiferro.

 

Le operazioni di liberazione di volatili hanno ormai cadenza settimanale, dopo che gli animali, spesso feriti o ammalati, sono curati negli spazi dell’Osservatorio Faunistico, coordinato dalla dott.ssa Maria Carmela Sinisi, che oggi ha collaborato direttamente alle attività. L’Osservatorio è una struttura regionale, dipendente dal Dipartimento Agricoltura e Sviluppo Rurale.

 

Gli uccelli oggi sono stati liberati negli spazi e nella spiaggia antistante il “Club Adriatico” di Polignano a Mare, sulla costa vicino la località di Pietraegea, di rilevante aspetto ambientale e già rifugio di numerosi esemplari di avifauna.

 

“Diamo la possibilità ai giovani e ai giovanissimi di capire quanto sia importante preservare l’ambiente e la natura – ha detto Pisicchio oggi – oggi siamo testimoni di un evento simbolico eccezionale con la rimessa in libertà di animali selvatici. Ringrazio quindi il personale dell’Osservatorio regionale, che ha la capacità di collaborare con l’Università e le istituzioni sul territorio per la difesa dell’ambiente, insegnando alle giovani generazioni il rispetto della natura”.

Uccelli selvatici curati dall’Osservatorio Faunistico Regionale liberati a Polignano. Pisicchio: “Evento eccezionale” - VIDEO
Watch the video

Uccelli selvatici curati dall’Osservatorio Faunistico Regionale liberati a Polignano. Pisicchio: “Evento eccezionale” - VIDEO

Ben 25 esemplari di avifauna recuperata e curata dagli esperti dell’Osservatorio Faunistico Regionale, con sede a Bitetto, sono stati liberati questa mattina a Polignano a Mare. Durante la cerimonia, cui ha assistito l’assessore alla Pianificazione territoriale, Alfonsino Pisicchio, sono stati liberati in natura 2 civette, 2 gufi comuni, 5 gheppi, 5 gabbiani reali, 1 gabbiano comune, 1 assiolo e 1 airone rosso.

 

Le operazioni sono state condotte in collaborazione con gli studiosi del dipartimento di Veterinaria dell’Università di Bari, coordinati dal prof. Antonio Camarda. Per il comune di Polignano era presente l’assessore Chiara Pepe, per la Guardia Costiera il capitano Tommaso Capodiferro.

 

Le operazioni di liberazione di volatili hanno ormai cadenza settimanale, dopo che gli animali, spesso feriti o ammalati, sono curati negli spazi dell’Osservatorio Faunistico, coordinato dalla dott.ssa Maria Carmela Sinisi, che oggi ha collaborato direttamente alle attività. L’Osservatorio è una struttura regionale, dipendente dal Dipartimento Agricoltura e Sviluppo Rurale.

 

Gli uccelli oggi sono stati liberati negli spazi e nella spiaggia antistante il “Club Adriatico” di Polignano a Mare, sulla costa vicino la località di Pietraegea, di rilevante aspetto ambientale e già rifugio di numerosi esemplari di avifauna.

 

“Diamo la possibilità ai giovani e ai giovanissimi di capire quanto sia importante preservare l’ambiente e la natura – ha detto Pisicchio oggi – oggi siamo testimoni di un evento simbolico eccezionale con la rimessa in libertà di animali selvatici. Ringrazio quindi il personale dell’Osservatorio regionale, che ha la capacità di collaborare con l’Università e le istituzioni sul territorio per la difesa dell’ambiente, insegnando alle giovani generazioni il rispetto della natura”.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.