/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, approvato in Consiglio comunale il regolamento relativo alla definizione agevolata delle controversie tributarie

Bari, approvato in Consiglio comunale il regolamento relativo alla definizione agevolata delle controversie tributarie

È stato approvato ieri sera in Consiglio comunale il regolamento relativo alla definizione agevolata delle controversie tributarie ai sensi dell’articolo 11 del decreto legge numero 50 del 2017. Con questo provvedimento l’amministrazione comunale intende permettere ai cittadini che decidono di avvalersi della procedura di definizione agevolata di chiudere il proprio contenzioso accettando le posizioni dell’amministrazione.

 

Aderendo alla definizione agevolata il contribuente è tenuto a pagare l’imposta, le spese di notifica inclusi nell’atto impugnato, oltre agli interessi del 4 per cento da calcolarsi però fino al sessantesimo giorno successivo alla notifica dell’atto oggetto di definizione. All’importo il contribuente dovrà sommare le eventuali spese di lite riscosse sulla base della sentenza non definitiva che ha deciso la controversia oggetto di definizione agevolata. La definizione agevolata delle controversie tributarie pendenti si perfezionerà col pagamento entro il 30 settembre 2017 degli importi dovuti.

 

Se l’importo dovuto è superiore a duemila euro è previsto il pagamento rateale nella seguente misura:

 

· il 40 per cento dell’importo dovuto deve essere versato entro il 2 ottobre 2017;

· il 40 per cento dell’importo dovuto deve essere versato entro il 30 novembre 2017;

· il 20 per cento dell’importo dovuto deve essere versato entro il 30 giugno 2018.

 

Su richiesta scritta e motivata del contribuente, il Comune, fermo restando il pagamento del 40% con la prima rata scadente il 2 ottobre 2017, come innanzi indicato, può concedere, nelle ipotesi di temporanea situazione di obiettiva difficoltà del contribuente di rateizzare il restante 60% in ulteriori rate nel numero massimo di 3 nel rispetto delle seguenti scadenze:

 

· 20 per cento dell’importo complessivo dovuto entro il 30 dicembre 2017;

· 20 per cento dell’importo complessivo dovuto entro il 30 aprile 2018;

· 20 per cento dell’importo complessivo dovuto entro il 30 settembre 2018

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.