/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Barivecchia, bus bloccati dal parcheggio selvaggio in piazza Federico II di Svevia. I cittadini: "Ogni giorno la stessa storia"


Barivecchia, bus bloccati dal parcheggio selvaggio in piazza Federico II di Svevia. I cittadini: "Ogni giorno la stessa storia"

Le auto in doppia fila bloccano la svolta dell’autobus. L’inciviltà e il menefreghismo di pochi rendono impossibile la vita ad autisti dei mezzi pubblici e automobilisti che attraversano piazza Federico II di Svevia, a Barivecchia. Più volte i cittadini della zona ci hanno segnalato questa situazione di disagio che sembra presentarsi con cadenza quotidiana. In altre occasioni sarebbe stata interessata la Polizia Municipale e qualche volta il sindaco Decaro, anche durante la nostra trasmissione “Chiama Decaro”.

 

Però nulla sembra cambiare, “ogni giorno è la stessa storia”, ci raccontano i baresi della zona. Nel video segnalato da un residente e girato ieri sera si nota chiaramente l’impossibilità per l’autista di effettuare la svolta per raggiungere il lungomare. L’immediata conseguenza è una colonna infinita di auto bloccate che arriva fino all’altezza di piazza Massari.

 

Oltre all’ennesima testimonianza, c’è da sottolineare che la zona in cui è consentito parcheggiare in piazza Federico II di Svevia è riservata ai possessori di tagliando ZTL. Ma, probabilmente, c’è chi non si pone il problema di poter incorrere in sanzioni e lascia la propria auto tranquillamente in sosta all’interno delle “strisce gialle”.

 

Il vero problema resta però quello della doppia fila, che causa problemi ai mezzi in transito e blocca gli automobilisti regolarmente in sosta, spesso costretti ad attaccarsi al clacson per richiamare all’ordine gli incivili di turno, dando anche fastidio agli abitanti del circondario. “All’alba, in pieno giorno e anche di notte – ci racconta un cittadino – La situazione è diventata insostenibile”. In alcune occasioni le auto in seconda fila sono talmente tante da occupare tutta la strada. Insomma, la situazione pare essere ormai intollerabile.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.