Home Attualità La Città Metropolitana di Bari aderisce a “Indifesa”, campagna di contrasto alla...

La Città Metropolitana di Bari aderisce a “Indifesa”, campagna di contrasto alla violenza di genere: lo striscione all’ex Palazzo della Provincia

In occasione della Giornata Mondiale ONU delle Bambine e delle Ragazze che si celebra l’11 ottobre, la Città metropolitana ha aderito a Indifesa, la campagna di sensibilizzazione finalizzata al contrasto e prevenzione delle discriminazioni e della violenza di genere, a partire dai minorenni, in Italia e nel mondo. Da questa mattina sulla facciata del palazzo della Città metropolitana di Bari è stato esposto uno striscione arancione con la scritta “11 Ottobre: Giornata Mondiale Onu delle bambine e delle ragazze” realizzato da Terre des Hommes, l’associazione non governativa promotrice della campagna “Indifesa”, finalizzata a garantire all’infanzia istruzione, salute, protezione dalla violenza e dagli abusi, con azioni di sensibilizzazione e progetti concreti.

 

Lanciata l’11 ottobre 2012, in occasione della prima Giornata mondiale per i diritti delle bambine, con il dipartimento per le Pari opportunità del Governo italiano, “Indifesa” ha messo al centro la promozione dei diritti delle bambine, con interventi volti a prevenire e contrastare la violenza e la discriminazione di genere ma anche a dare risultati concreti per rompere il ciclo della povertà e offrire migliori opportunità di vita a migliaia di bambine e ragazze. La campagna punta i riflettori anche sulle bambine che vivono in zone di guerra e sulle emergenze migratorie che ne conseguono, per proteggerle e tutelarne i diritti fondamentali dalla salute, allo studio, alla libertà.

 

Anche la pagina facebook della Città metropolitana di Bari è stata colorata di arancione, colore simbolo della manifestazione, con l’invito a stimolare la diffusione di una cultura del rispetto e della prevenzione della violenza e della discriminazione di genere.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo