Home Attualità Università, “Banche possiamo (af)fidarci?”: domani il seminario dedicato al diritto bancario

Università, “Banche possiamo (af)fidarci?”: domani il seminario dedicato al diritto bancario

In programma domani presso l’aula XIV del Dipartimento di Giurisprudenza, all’interno del Palazzo Del Prete, presso l’Università degli studi di Bari, il seminario “Banche: possiamo (af)fidarci?”. In occasione dell’incontro organizzato dall’associazione Studenti Per Giurisprudenza, dedicato al diritto bancario e a tutte le vicende di attualità degli ultimi anni legate agli istituti di credito, sarà presentato l’ultimo lavoro di Vincenzo Imperatore, “Sacco Bancario”: un saggio in cui sono raccontati, attraverso la riproposizione di documenti segreti, gli scandali che hanno interessato in questi anni Monte dei Paschi di Siena, Banca Etruria, Veneto Banca e Popolare di Vicenza.

 

Il Convegno affronterà le spinose tematiche dei costi del credito, dei prodotti finanziari offerti dalle banche ai loro correntisti e del lavoro degli organi di vigilanza. Un agorà giuridico aperto a tutti per capire, come, si è arrivati alla peggior recessione dal dopo-guerra che ha portato al crollo del Pil del 10% e della produzione industriale del 25%.

 

Moderatore del seminario sarà la professoressa Antonella Antonucci, docente di Diritto delle Banche. Il parterre d’ospiti sarà composto dall’Avvocato Pasquale Cantore, esperto nella tutela degli istituti bancari, dall’Avvocato Antonio Pinto, Presidente Conf-consumatori Puglia e legale di correntisti danneggiati dal sistema bancario e dalla professoressa Emma Sabatelli, docente di Diritto Commerciale e Fallimentare, attraverso cui sarà possibile capire in che maniera abbia influito la crisi nei sistemi bancari. L’incontro si aprirà come di consueto con i saluti del Magnifico Rettore dell’Università degli studi di Bari, il professor Antonio Felice Uricchio, e del Direttore di Dipartimento, professor Roberto Voza.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo