/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, ecco il cervellone del traffico: sistema di controllo centralizzato attivato sui semafori di 115 incroci

Bari, ecco il cervellone del traffico: sistema di controllo centralizzato attivato sui semafori di 115 incroci

Questa mattina il sindaco Antonio Decaro, l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso e il direttore del settore Urbanizzazioni primarie Claudio Laricchia, nella sala comando della Polizia municipale, hanno illustrato le attività di monitoraggio in remoto del nuovo sistema di controllo centralizzato del traffico attivato su 115 incroci della città nell'ambito del progetto ITS - Information Transportation System, finanziato dal Ministero dei Trasporti, con la partecipazione del Comune di Bari.

 

L’intervento realizzato consente di rendere i flussi veicolari più rapidi e agevoli grazie alla centralizzazione del sistema semaforico gestito da regolatori hardware e software di ultima generazione, che trasmettono i dati in tempo reale alla sala di controllo. Alla dimostrazione ha partecipato anche il comandante della Polizia locale Nicola Marzulli.

 

Ad oggi, grazie ai lavori realizzati, è stata istituita un’onda verde sulle seguenti strade: via Dante, corso Cavour, via De Giosa e piazza Luigi di Savoia, via De Rossi, corso Vittorio Emanuele, via Quintino Sella, viale Einaudi e viale Kennedy, via Brigata Regina e via Brigata Bari. Il dispositivo è stato tarato su una velocità di percorrenza di 30 chilometri orari. Sul fronte dell’efficientamento energetico, sono state sostituite circa 1100 lanterne semaforiche che, insieme alle 1000 sostituite precedentemente, coprono i due terzi degli impianti presenti in città. Questo comporta l’abbattimento immediato dei consumi e dei costi per il Comune di oltre il 50%. Su gran parte dei semafori oggetto dei lavori sono state installate 15 traficam, videocamere in grado di rilevare in tempo reale informazioni sul traffico da trasmettere alla sala operativa in modo da modificare i piani semaforici a seconda delle effettive condizioni dei flussi veicolari, e 12 telecamere tattili capaci di stimare i volumi di traffico e individuare veicoli rubati o non a norma. In totale sono state previste 31 postazioni di misura “intelligenti” che dialogheranno con i nuovi sistemi AVM installati sugli autobus urbani in modo da assicurare priorità al passaggio dei mezzi pubblici attraverso il controllo semaforico.

 

“Con questo sistema - ha spiegato Antonio Decaro - potremo intervenire da remoto direttamente sulla centralina per effettuare delle modifiche o dei ripristini sui semafori, il tutto dalla centrale operativa della Polizia municipale. Questo è un esempio concreto del significato di “città intelligente”, ossia un insieme di sistemi e strumenti che dialogano tra loro, abbattendo tempi e costi degli interventi con un servizio più efficiente ai cittadini”.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.