Home Attualità Discarica a cielo aperto in largo San Sabino, Decaro sbotta: “Colpa del...

Discarica a cielo aperto in largo San Sabino, Decaro sbotta: “Colpa del sindaco? Ma anche di questi porci. Ora pagate”

Un lungo post su Facebook, quasi uno sfogo, per annunciare che chi ha sbagliato, adesso, pagherà. Il sindaco Antonio Decaro torna sull’annoso problema dei rifiuti in largo San Sabino, a Barivecchia. Pubblica delle foto che documentano l’inciviltà di alcuni baresi, li appella a dovere e chiude con un messaggio: la pacchia è finita.

 

“È colpa del sindaco – si legge in maiuscolo in cima al post pubblicato da Decaro -. È colpa del sindaco se il nostro centro storico viene trattato come una discarica. È stato il sindaco a buttare ogni tipo di rifiuto a ogni ora nei cassonetti di largo San Sabino. È il sindaco che ogni giorno abbandona di tutto fuori da quei contenitori. È colpa del sindaco”. Inizia, sarcastico, il primo cittadino.

 

“Oggi però queste colpe le voglio condividere con una parte di cittadini che odia così tanto Bari da trattarla in questo modo barbaro – continua -. Tempo fa abbiamo installato delle telecamere proprio in largo San Sabino, dove troppo spesso si crea una vera e propria discarica a cielo aperto. Uno schifo. Nelle immagini registrate in questi mesi abbiamo visto cittadini gettare immondizia a tutte le ore, commercianti riversare quotidianamente chili e chili di rifiuti non differenziati. E abbiamo visto arrivare mezzi di trasporto di ogni tipo per scaricare di tutto. Lo ripeto, un vero schifo. Quei cassonetti vengono svuotati tre volte al giorno. Tre. (scrive in maiuscolo Decaro, ndr). Ma dopo poco, si ripresentano nello stesso modo, imbarazzante”.

 

“Ma la pacchia è finita – conclude -. Ora abbiamo la possibilità di trovare ognuna di quelle persone, di quei porci (con tutto il rispetto per i maiali) che deturpano la nostra città. E di recapitare loro una bella multa, di quelle salate. E quando apriranno la busta con la multa, immaginarli mentre ripetono ancora una volta la frase «è colpa del sindaco» (magari condita con qualche gastema) sarà per me un vero piacere”.

 

[bt_slider uid=”1510856090-5a0dd59a78f21″ target=”_blank” width=”0″ crop=”no” thumbnail_width=”800″ thumbnail_height=”600″ show_title=”no” centered=”yes” arrows=”yes” pagination=”bullet” autoplay=”5000″ speed=”600″][bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/rif1.jpg” title=”rif1.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/rif3.jpg” title=”rif3.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/rif2.jpg” title=”rif2.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/rif5.jpg” title=”rif5.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/rif4.jpg” title=”rif4.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/rif6.jpg” title=”rif6.jpg” link=”” parent_tag=”slider”][/bt_slider]

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo