Home Attualità “Le strade di San Nicola”, spettacolo di beneficenza al Petruzzelli il 18...

“Le strade di San Nicola”, spettacolo di beneficenza al Petruzzelli il 18 dicembre: il ricavato a progetti di solidarietà

Sarà destinato a progetti di solidarietà, mense per i poveri, recupero di minori a rischio e reinserimento di donne con disagio sociale, il ricavato dello spettacolo di beneficenza organizzato dalla federazione barese ‘Le strade di San Nicola’. L’iniziativa, giunta alla quarta edizione, è stata presentata questa mattina dal sindaco di Bari, Antonio Decaro, l’assessore al Welfare Francesca Bottalico e i rappresentanti delle associazioni che hanno aderito al progetto.

 

Lo spettacolo, che andrà in scena al Teatro Petruzzelli lunedì 18 dicembre con la conduzione di Mauro Pulpito e Barbara Cirillo, vedrà alternarsi sul palcoscenico la Rimbamband, Pino e Gli Anticorpi, Chicco Paglionico, Dino Paradiso, Nicola Calia, Flavio Oreglio, Gene Gnocchi e Rocco Ciarmoli. La federazione raccoglie fondazioni e associazioni pugliesi impegnate nel mondo della solidarietà (Associazione Italiana Persone Down Bari, Bari Young Onlus, Fondazione “Ciao Vinny” Onlus, Genitori in campo, Intesa Bari Clipper, Little Smile Onlus, Fondazione Maria Rossi Onlus, Associazione Marcobaleno, Medici con l’Africa Cuamm Bari, Ordine Forense Bari Onlus) e quest’anno ha deciso di destinare il ricavato dello spettacolo a quattro progetti:

 

‘Un piatto per tutti’ per l’acquisto di 5 mila chili di pasta destinati ad Istituti minorili e mense per i poveri della Provincia di Bari; ‘Ciao vita!’ per la formazione di circa 2000 cittadini baresi sul primo soccorso; ‘Mai in fuorigioco’ per il recupero di 30 ragazzi che vivono situazioni di disagio, segnalati dai servizi sociali del Città di Bari, i quali saranno tesserati presso la F.I.G.C, seguiranno le sedute di allenamento e laboratori didattici; ‘La bottega dell’inclusione e della creatività’ con laboratori artigianali e artistici per l’attivazione di percorsi creativi e inclusivi, attraverso riuso creativo di materiali, finalizzati al reinserimento di donne e giovani con disagio sociale e all’attivazione di comunità solidali.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo