/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Puglia protagonista a “Buongiorno Italia”: l’evento di Mosca dedicato a cinema, cultura e turismo italiano parla barese

Puglia protagonista a “Buongiorno Italia”: l’evento di Mosca dedicato a cinema, cultura e turismo italiano parla barese

Con la partecipazione alla seconda edizione dell’evento internazionale “Buongiorno Italia” svoltosi dal 5 all’11 dicembre nella città di Mosca la Regione Puglia, attraverso la Fondazione Apulia Film Commission e l’Agenzia Pugliapromozione, raccoglie un altro importante consenso oltre i confini dello Stivale: sia sotto il profilo culturale, in particolare nei settori dell’audiovisivo, che in quello turistico.

 

“Aver portato la Puglia con successo a Mosca, con i nostri prodotti culturali, è un modo per rafforzare il nostro brand in uno dei Paesi che ha tutte le potenzialità per diventare uno dei maggiori fruitori delle nostre bellezze naturali, non solo dal punto di vista turistico, ma anche come partner dell’industria culturale ed audiovisiva - – commenta il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano-. Non dimentichiamo che la città di Bari, grazie al suo Santo protettore, è già meta di turismo religioso in virtù della grande devozione che gran parte del popolo russo ha per San Nicola”.

 

Nell’ambito del focus ‘Italia – set cinematografico’ un intero panel è stato dedicato alla Puglia e i rappresentati di Pugliapromozione e AFC hanno illustrato il Film Fund e le attività della Puglia del cinema e del turismo. Attività accolte con grande interesse da parte di imprenditori, produttori e cineasti russi. Al termine dell’incontro, è stato proiettato il film “La cena di Natale” di Marco Ponti e interpretato da Riccardo Scamarcio e Laura Chiatti, una pellicola in cui sono decisamente evidenti le bellezze di Polignano a Mare, che ha letteralmente stregato i rappresentanti russi.

 

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.