/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Polignano, la magia del presepe vivente nell’abbazia di San Vito: l’antico monastero sul mare animato da oltre 100 comparse

Polignano, la magia del presepe vivente nell’abbazia di San Vito: l’antico monastero sul mare animato da oltre 100 comparse

Sarà inaugurata a Santo Stefano alle ore 17, presso l’abbazia di San Vito nell’omonima frazione marinara di Polignano a Mare, la 9° edizione del presepe vivente organizzato dalla parrocchia Santa Maria Assunta di Polignano. La manifestazione, in programma anche il 30 dicembre, il 2 e 6 gennaio dalle 17 alle 21 sempre nella splendida location dell’ex monastero benedettino, ha ricevuto il patrocinio del Comune di Polignano a Mare.

 

A questa edizione parteciperanno oltre 100 comparse e decine di volontari che apriranno al pubblico luoghi finora poco conosciuti del complesso monastico grazie alla disponibilità dei proprietari Tavassi La Greca. Un presepe vivente interpretato da persone e animali reali, che preparano al momento le pietanze alimentari, o che lavorano la terra, il pesce o il ferro senza finzioni. La direzione artistica è affidata anche quest'anno all'attore teatrale Maurizio Pellegrini.

 

Grande attesa anche per la famiglia che interpreterà la Natività: una famiglia residente a Polignano. Si tratta di Massimo Bellino Zupo, di sua moglie Margareth De Micco e del loro piccolo Tommaso di soli quattro mesi. La Sacra Famiglia “sbarcherà “ nel porticciolo di San Vito alle ore 17 del 26 dicembre per poi alloggiarsi nella chiesa allocata all’interno dell’abbazia.

 

“Ho sempre cercato di immaginare come potesse apparire l'Abbazia di San Vito secoli addietro, quando la nostra storia era il suo presente e Polignano un piccolissimo centro - dice Maurizio Pellegrini, direttore artistico del presepe vivente -. Da bambino ho ambientato tra quelle mura cento e più avventure con protagonisti i pescatori, i contadini ed i frati che l'hanno sempre abitata e difesa. Questa nuova edizione del presepe vivente, animata dai tanti volontari che da anni si spendono per la Comunità, coniugherà ancora una volta, le nostre fantasie di oggi e di ieri, trasportando i visitatori indietro nel tempo, sul finire di quel XVI secolo che vide i francescani succedere ai benedettini tra le fortificate mura. Saranno tutti lì ad accoglierci e a guidarci in questa sacra rappresentazione della Natività, noi moderni pellegrini in cerca di qualcosa che non conosciamo e che brilla da sempre nel nostro passato”.

 

Per raggiungere i luoghi del Presepe, sia da Bari che da Brindisi, uscita Polignano Nord dalla Strada Statale 16. Il costo dell’ingresso è di due euro a persona e il ricavato contribuirà ai lavori di restauro della Chiesa Matrice di Polignano chiusa da un anno.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.