/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Dai Comuni di provincia a Bari per abbandonare rifiuti, in arrivo multe più salate

Dai Comuni di provincia a Bari per abbandonare rifiuti, in arrivo multe più salate

“Non si riesce a monitorare il fenomeno della migrazione dei rifiuti come si deve. La città di Bari è ad oggi costretta a smaltire anche tanti rifiuti che arrivano dai Comuni limitrofi”. L’assessore all’Ambiente del Comune di Bari, Pietro Petruzzelli, annuncia che l’Amministrazione sta valutando un “più efficace posizionamento delle fototrappole e un inasprimento delle sanzioni, anche in funzione della residenza di chi commette l'illecito”.

 

Questo perché se da un lato, a tre settimane dall’avvio del nuovo servizio di raccolta porta a porta nei quartieri Fesca, San Girolamo, San Cataldo e al villaggio Trieste, la risposta dei residenti è in linea con quanto accaduto nelle altre zone della città dove il nuovo servizio è stato introdotto, dall’altro bisogna fare i conti con l’inciviltà di molte persone.

 

La percentuale di raccolta differenziata registrata ad oggi, infatti, è del 78,13% con un’impennata della raccolta delle frazioni di plastica e metalli che raggiunge il 12,5% del totale, con 38.000 chilogrammi di rifiuti raccolti. Questo dato rappresenta la cifra di un grande impegno da parte dei cittadini che fanno registrare una raccolta di 6,20 kg per ogni nucleo familiare residente nei quartieri oggetto della rilevazione in queste tre settimane.

 

Complessivamente nella zona “start up” del nuovo servizio, che interessa circa 50.000 persone, di cui 17.000 nuclei familiari, al 5 gennaio la raccolta differenziata si attesta all’80,54% determinando un aumento importante della produzione di rifiuti differenziati in tutta la città. Nel 2017, anche grazie al porta a porta, sono stati prodotti 6 milioni di chilogrammi in più di rifiuti differenziati fino a segnare il valore assoluto di 72 milioni di chilogrammi.

 

“Presto i benefici del nuovo servizio – continua Petruzzelli – appariranno evidenti anche per il resto della città”. Nel frattempo “stiamo valutando di far pagare di più ai residenti di altri Comuni che portano i rifiuti a Bari, perché questi comportamenti determinano costi di smaltimento più alti a carico dei cittadini baresi”.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.