/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Fumetti, torna Lady Mafia: la 'graphic novel' sulla killer pugliese Veronica che fece scandalo nel 2014

Fumetti, torna Lady Mafia: la 'graphic novel' sulla killer pugliese Veronica che fece scandalo nel 2014

Torna Lady Mafia, il controverso fumetto che al suo esordio fece discutere, dal Parlamento a Libera, dagli appassionati del settore ai semplici curiosi.

 

Con la copertina curata dal maestro Mario Milano, disegnatore Tex per la Sergio Bonelli Editore, Lady Mafia, fumetto noir della Cuore Noir Edizioni, torna disponibile nelle librerie d'Italia e nei negozi di settore a partire da mercoledì 10 gennaio, con un nuovo e graffiante episodio: Sexy Mafia.

 

“Si tratta - riferisce una nota della casa editrice - di una graphic novel, una storia completa, che seppur legata alla miniserie che fece il suo esordio nel 2014, ne è indipendente e non ne presuppone la lettura. Sexy Mafia apre infatti una porta sul passato di Veronica De Donato, di origini pugliesi, raccontandone gli anni trascorsi in Veneto al servizio del Pakkiano, capo della mala locale, e tutte le motivazioni che l'hanno portata a diventare un killer infallibile e spietato prima, e una boss poi”.

 

I disegni sono di Mirko Cusmai, che assieme a Pietro Favorito ha curato anche la sceneggiatura. In occasione della prima uscita l'associazione Libera prima e l'Antimafia poi, chiesero il ritiro del fumetto dalle edicole. La scelta della vendetta della protagonista nei confronti degli aguzzini della sua famiglia, piuttosto che il loro perdono, fece gridare allo scandalo.

 

"Le critiche furono ben presto messe a tacere - conclude la nota - non solo dal successo riscosso da Lady Mafia, ma anche da una semplice considerazione: quante storie di vendetta abbiamo letto o visto prima e dopo Lady Mafia, a partire dal Padrino, per passare ai più recenti Avengers, Arrow o The Punisher?".

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.