Home Attualità Inceneritore Bari-Modugno, protesta in Regione. L’assessore: “Anche noi contrari alla realizzazione dell’impianto”

Inceneritore Bari-Modugno, protesta in Regione. L’assessore: “Anche noi contrari alla realizzazione dell’impianto”

Circa un mese fa il sindaco di Bari, Antonio Decaro, aveva inviato una nota al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, con alcune considerazioni relative alla inopportunità di consentire la realizzazione e l’esercizio di un impianto di trattamento e coincenerimento di rifiuti nella zona industriale di Bari. Questa mattina un nutrito gruppo di ambientalista, per lo stesso motivo, ha protestato in via Capruzzi, sede del Consiglio Regionale. L’ipotesi inceneritore, di fatto, non piace a nessuno. A quanto pare, anche all’assessore regionale alla Qualità dell’Ambiente, Filippo Caracciolo.

 

“Voglio ribadire la contrarietà della Regione Puglia alla realizzazione dell’impianto di ossidocombustione nella zona industriale di Bari nelle vicinanze del Comune di Modugno – dice l’assessore dopo la manifestazione degli ambientalisti- e sottolineo che si tratta di un impianto non previsto dal Piano Regionale dei Rifiuti”.

 

“Ribadita tale contrarietà da parte della Regione – spiega ancora – è utile anche chiarire che come Regione non possiamo impedire a privati di presentare richieste o istruttorie che vengono esaminate sulla base delle leggi in materia. Rispetto alle nostre competenze sottolineo il massimo impegno con cui stiamo affrontando il tema dell’aggiornamento del Piano Regionale dei Rifiuti prediligendo lo sviluppo dell’impiantistica pubblica e seguendo i principi dell’economia circolare”.

 

“Circa la realizzazione dell’impianto – conclude Caracciolo- esprimo totale condivisione rispetto alle perplessità e alle preoccupazioni avanzate da rappresentanti delle comunità di Bari, Modugno e Bitonto”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo