/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Casa di riposo Vittorio Emanuele II, "no" dei lavoratori alla riduzione delle ore: USB chiede intervento delle istituzioni

Casa di riposo Vittorio Emanuele II, "no" dei lavoratori alla riduzione delle ore: USB chiede intervento delle istituzioni

L’assemblea dei lavoratori ha detto no al piano di contenimento dei costi proposto per la Casa di riposo Vittorio Emanuele II, la struttura pubblica gestita dalla ASP Riunite Terra di Bari ma in concessione alla Cooperativa Progetto Vita. L’azienda aveva chiesto una riduzione oraria del 30% per gli ausiliari e del 10% per gli Oss, come alternativa al licenziamento di 10 unità di personale. Le ragioni addotte da Progetto Vita sarebbero la mancata conversione delle autorizzazioni di servizio da parte della Regione e la scelte imprenditoriale di terzializzare i servizi mensa e trasporto. Il tutto mentre i lavoratori sono in attesa di ben quattro mensilità arretrate di stipendio. L’Unione Sindacale di Base ha intanto già proclamato da oltre un mese lo stato di agitazione permanente. "Rigettiamo la proposta aziendale - afferma Sabino de Razza (USB) - Vorremmo sapere però quale sia la posizione delle istituzioni. La Regione che intenzioni ha in questo settore? Demandare tutto al privato?"

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.