/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, due novità sul lungomare: in arrivo la banchina della Guardia Costiera e il porto turistico nel molo San Cataldo

Bari, due novità sul lungomare: in arrivo la banchina della Guardia Costiera e il porto turistico nel molo San Cataldo

Questa mattina, a Palazzo di città, alla presenza del sindaco di Bari Antonio Decaro, il presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico meridionale, Ugo Patroni Griffi, e il comandante generale Vincenzo Melone hanno siglato il protocollo d'intesa per la realizzazione della banchina per l'ormeggio delle unità navali maggiori della Guardia Costiera. L'intervento permetterà, inoltre, la creazione di un bacino all'interno del quale sarà realizzato il porto turistico della città lungo il molo San Cataldo.

 

Si tratta della realizzazione di una nuova banchina che permetterà l'arrivo a Bari di tre pattugliatori e dei relativi equipaggi. L'esecuzione di questa infrastruttura permetterà al Comune di Bari di attrezzare servizi e una serie di opere per l'approdo delle barche turistiche nella stessa area. Il progetto presentato oggi, prevede già un'integrazione delle due componenti. L'intervento complessivo, attualmente in fase di progettazione e in procinto di essere messo a gara, ha già l'intera copertura finanziaria messa a disposizione dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.

 

"In tempi brevi - ha detto il sindaco - siamo riusciti a trovare una soluzione che tiene insieme una triplice soluzione vantaggiosa per la città: l'ormeggio delle navi da crociera, la presenza delle navi d'altura con la scuola per i piloti e il desiderio della città di realizzare il porto turistico nel molo San Cataldo, nei pressi del quartiere fieristico".

 

"Siamo riusciti con grande capacità, attenzione e collaborazione - ha concluso Patroni Griffi - a realizzare una situazione vincente per tutti, soprattutto per la città".

 

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.