/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

San Valentino, due pugliesi su cinque regalano fiori. Coldiretti: “Rose sempre in cima alla classifica”

San Valentino, due pugliesi su cinque regalano fiori. Coldiretti: “Rose sempre in cima alla classifica”

Quasi due pugliesi su 5 (il 39% del campione, ndr) regalano fiori per San Valentino: messaggeri d’amore scelti quasi esclusivamente dagli uomini. I fiori più gettonati restano le rose rosse. Poi le piante di orchidee e i fiori di campo quali tulipani, ranuncoli, anemoni, fresie. Questo il risultato di un’indagine fatta da Coldiretti Puglia.

 

“Acquistare un fiore a chilometro 0, rigorosamente ‘Made in Puglia’ – commenta il Presidente della Coldiretti Puglia, Gianni Cantele - significa anche fare una scelta responsabile che salva il clima dall’inquinamento determinato dalle emissioni di gas serra dovute ai lunghi trasporti che devono subire prodotti importati spesso da Paesi lontani, in cui tra l’altro non sono rispettati i principi base della protezione sociale del lavoro. I fiori di importazione rappresentano fino al 60 per cento dell'offerta nazionale totale e, attraverso triangolazioni commerciali che hanno come crocevia l’Olanda, arrivano da paesi extracomunitari come Thailandia, Brasile, Perù o per le rose dal Kenia. Un viaggio che ha inizio nelle grandi aziende gestite da multinazionali dove sono denunciati trattamenti brutali contro i lavoratori e continua attraverso un percorso di migliaia di chilometri con l’inutile emissione di gas a effetto serra a danno del clima”.

 

Curioso il ‘viaggio’ di Coldiretti all’interno del significato dei fiori. Stando a quanto riportato dall’associazione, si regalerebbe il tulipano per ‘l’amore perfetto’, il non ti scordar di me per ‘amore sincero’, l’orchidea per ‘passione, sensualità, bellezza’, la primula per ‘primo amore’. Diversi, in base al colore, i significati che ruotano attorno alla rosa: rossa simboleggia ‘l’amore e la passione’, gialla ‘la gelosia e l’infedeltà’ al contempo, bianca ‘castità e purezza’, rosa ‘fascino e dolcezza’.

 

“Il comparto dei fiori e delle piante ornamentali ha raggiunto in Puglia i 185 milioni di euro di valore – conclude Angelo Corsetti, Direttore di Coldiretti Puglia - con un’incidenza dell’11,4% del valore della produzione regionale su quella nazionale e un numero di fiori recisi ragguardevole, pari a 755.915 pezzi. Per il vivaismo la Puglia è una regione emergente, tanto da contribuire in misura rilevante, negli ultimi dieci anni, alla crescita del comparto nel Mezzogiorno”.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.