Home Attualità Bari, sette anni dall’omicidio Mizzi. La moglie ai giovani: “Cambiate il mondo”

Bari, sette anni dall’omicidio Mizzi. La moglie ai giovani: “Cambiate il mondo”

Una corona in piazza Venezia nel quartiere barese di Carbonara è stata deposta questa mattina nella cerimonia di commemorazione dell’omicidio di Giuseppe Mizzi, 38enne vittima innocente di mafia, ucciso per strada a Bari il 16 marzo di sette anni fa.

“Vorrei rivolgermi soprattutto ai nostri ragazzi, ai nostri figli, che sono il futuro di tutti noi – ha detto Katia, moglie della vittima -. Quando avvengono omicidi come quello di Giuseppe, è una sconfitta per tutti, non solo per le famiglie coinvolte. Ognuno di noi perde qualcosa, una parte del diritto alla vita. Ognuno di noi può essere ingiustamente colpito. Solo i nostri figli possono far sì che questo mondo cambi, che si possa vivere in un mondo fatto di lavoro e non di sangue, perché domani quel sangue potrebbe essere il nostro”.

Katia ha voluto ricordare, tra lacrime e applausi, i nomi di altre vittime baresi: Gaetano Marchitelli, Michele Fazio e Nicola Ruffo. Con i loro familiari e con quelli delle altre 970 vittime di mafia, i Mizzi parteciperanno domani alla veglia in Cattedrale e poi mercoledì prossimo alla marcia di Libera in programma a Foggia con con Luigi Ciotti.

Alla cerimonia di questa mattina ha partecipato il sindaco di Bari, Antonio Decaro. “Nessuna vittima innocente può essere dimenticata o abbandonata dallo Stato – ha detto – Con l’uccisione di Giuseppe, la mafia ha creato una profonda ferita in questo quartiere. Perché la mafia impone la propria presenza sui territori attraverso manifestazioni come i fuochi di artificio di ieri per festeggiare una scarcerazione nella città vecchia, o le estorsioni alle aziende, praticando l’usura o incutendo paura ai cittadini. Ma noi siamo qui per dire che non abbiamo paura”.

Angelo Mizzi, fratello della vittima, stamattina non ha partecipato alla commemorazione a Carbonara ma ha scelto di andare a portare la sua testimonianza in una scuola di Bari. “Oggi ho incontrato circa 150 studenti – ha detto – perché credo che la cosa più importante del nostro impegno sia parlare con i ragazzi”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo