/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, nomina Di Cagno Abbrescia al vertice Aqp. PSI commenta: "Continua il mercato delle vacche"

Bari, nomina Di Cagno Abbrescia al vertice Aqp. PSI commenta: "Continua il mercato delle vacche"

La decisione presa da Michele Emiliano di nominare Simeone Di Cagno Abbrescia presidente dell'Acquedotto Pugliese sembra aver sollevato opinioni discordanti nel mondo politico. Tra queste anche il Partito Socialista Italiano che parla di "Politica da supermercato". Di seguito il comunicato del PSI.

 

"Il mercato delle vacche continua. Dopo l'arruolamento sfortunato dei vari D'addario, Borzillo, Canonico e compagnia cantante, ecco una new entry stupefacente preceduta da tanto di convegno 'ideologico' nel foyer del Teatro Petruzzelli. E che di teatranti si tratti lo dimostra l'ilarità suscitata negli ambienti degli addetti ai lavori dove la battuta che circola è la seguente: 'Michelone prima li fa e poi li distrugge!'. I precedenti si sprecano. Sembra che in questo pacchetto di cortesie sia inserita anche la candidatura alla Regione della consorte del neopresidente di AQP. Come dire: paghi uno e prendi due. Politica da supermercato che sinora, nel centrosinistra, ha scandalizzato solo il buon Borracino, passato armi e bagagli all'opposizione. Poi c'e' ancora qualcuno che si chiede perchè il PD sia caduto così in basso? Michele Emiliano più che pensare a fare il "Mino Raiola di Puglia " perché dopo 3 anni non inizia a fare il Governatore di questa regione che fino a qualche anno fa era inviadata a livello nazionale per le sue politiche all'avanguardia....O anche questa volta, è colpa di Renzi?"

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.