Home Cronaca Ambulanti nel mirino dei rapinatori sulla Corato-Altamura. Le associazioni di categoria: “Strada...

Ambulanti nel mirino dei rapinatori sulla Corato-Altamura. Le associazioni di categoria: “Strada del terrore”

La Corato-Altamura ribattezzata dagli ambulanti come “strada del terrore”. A dicembre il furto di un furgone sottratto a un venditore ambulante andriese, sotto la minaccia di pistole e con conseguente sequestro di persona, mentre stava raggiungendo Gravina in Puglia. Ieri, sulla stessa strada, un automezzo pieno di merce rubato a un trio di ambulanti andriesi che viaggiava in direzione Matera per una giornata lavorativa in uno dei mercati rionali.

Immediata la vicinanza e la solidarietà delle associazioni CasAmbulanti e Unimpresa alle vittime della rapina. Per conto loro è intervenuto il sindacalista Savino Montaruli. “Quest’altro episodio criminoso alimenta il senso di insicurezza e di isolamento istituzionale vissuto dai commercianti ambulanti che continuano a viaggiare sulle strade del terrore pugliesi – dice il sindacalista -. Un episodio di una gravità inaudita: un’aggressione con furto, rapina e sequestro di persona che avrebbe dovuto riempire le cronache ma che quasi non fa notizia. Un silenzio che alimenta quel senso di abbandono vissuto da chi per lavorare è costretto a sottoporsi a qualunque forma di sopruso e di violenza. Non vogliamo rassegnarci all’idea che gli ambulanti debbano arrivare a premunirsi di porto d’armi per potersi difendere da soli ma se si continua di questo passo, con questa indifferenza e con questa recrudescenza di episodi che lasciano un segno indelebile in chi subisce violenza inaudita e gratuita, allora il passo sarà breve e le responsabilità saranno di chi ha sminuito, minimizzato e banalizzato quella che, invece, è una vera e propria emergenza criminale”

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo