Home Cronaca Bari, estorsioni e usura a Santo Spirito: arrestati cinque esponenti del clan...

Bari, estorsioni e usura a Santo Spirito: arrestati cinque esponenti del clan Strisciuglio – I NOMI

Nella mattinata di oggi i Carabinieri di Bari hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare a carico di cinque persone, secondo gli inquirenti legati al clan Strisciuglio, ritenuti responsabili di usura ed estorsione, in concorso, ai danni dei gestori di un noto esercizio commerciale del quartiere Santo Spirito.

Le indagini dei militari sono state avviate al fine di accertare l’inspiegabile situazione deficitaria di un’attività commerciale florida e, nonostante la reticenza delle vittime sottoposte a ripetute minacce di atti ritorsivi ad opera degli indagati, i militari sono riusciti a documentare il debito contratto dai commercianti nei confronti degli arrestati. Questi ultimi, grazie all’intermediazione iniziale del pluripregiudicato 45enne Onofrio Caldarulo, erano arrivati a sottrarre agli esercenti la somma complessiva di oltre 500mila di euro.

La strategia adottata dal gruppo è stata quella di proporre, grazie alla mediazione di Caldarulo, piccoli prestiti di volta in volta elargiti dagli altri pregiudicati: il 57enne Vito Pascale, il 49enne Giovanni Valentino, il 45enne Maurizio Maino e il 43enne Andrea Maisto. Così si è innescato un meccanismo di recupero complessivo di credito che è arrivato talvolta a superare anche il 600 % di tasso, su base annua, basato sulla restituzione del capitale entro il mese, pena l’accumulo del residuo ed il suo raddoppio.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo