/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, prostituzione minorile al San Nicola. Uno dei tre arrestati: "Non sapevo che fossero minorenni"

Bari, prostituzione minorile al San Nicola. Uno dei tre arrestati: "Non sapevo che fossero minorenni"

"Non sapevo che fossero minorenni". Si è difeso così il 46enne arrestato venerdì scorso dai Carabinieri nell'ambito dell'indagine della Procura di Bari su un presunto giro di prostituzione minorile nei pressi dello stadio San Nicola di Bari. L'uomo è agli arresti domiciliari.

Nell'interrogatorio di garanzia dinanzi al gip Giovanni Anglana ha ammesso parte delle vicende contestate, dichiarando però di non essere consapevole che si trattasse di minorenni. Insieme a lui i Carabinieri hanno arrestato atre due persone, un insegnante privato di musica 58enne e un pasticcere 51enne, entrambi in carcere, che dinanzi al gip si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Ai tre indagati, tutti incensurati, il pm Marcello Quercia contesta, a vario titolo, i reati di atti sessuali con minore, sfruttamento della prostituzione, produzione e detenzione di materiale pedopornografico. Stando agli accertamenti della magistratura barese, sarebbero quattro le vittime accertate fra il 2014 e il 2017, due rom e due italiani, di età compresa fra i 13 e i 17 anni.

I ragazzini sarebbero stati adescati anche in internet e pagati con pochi euro o con piccoli regali in cambio di prestazioni sessuali. Sui dispositivi informatici degli indagati, gli investigatori hanno trovato migliaia tra foto e video pedopornografici, in parte autoprodotti.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.