Home Cronaca Torre a Mare, incontra “acquirente” per vendere la moto: barese aggredito e...

Torre a Mare, incontra “acquirente” per vendere la moto: barese aggredito e derubato del mezzo

Un annuncio messo su un portale di vendite online, poi l’incontro con il potenziale acquirente e l’improvvisa aggressione, culminata nel furto della moto. È quanto accaduto ieri pomeriggio a Torre a Mare a un trentenne barese. Secondo la testimonianza fornita dalla stessa vittima, si è trattato di un evento del tutto inaspettato. “Avevo messo l’inserzione relativa alla vendita della mia moto già da qualche settimana – ci dice – e tra chi mi ha risposto, evidentemente, c’era anche un malintenzionato. Ho preso appuntamento a Torre a Mare. Lui è arrivato in auto, ha parcheggiato, si è presentato e abbiamo iniziato a contrattare”.

 

Ma quella che sembrava essere una semplice chiacchierata si è rivelata una tattica con uno scopo ben preciso. “Voleva che scendessi di prezzo, perché a suo dire il mezzo presentava qualche ‘difetto’, ma per me era solo una trattativa”. Un quarto d’ora circa di un normale scambio di opinioni, nulla che lasciasse presagire cattive intenzioni. “Mi ha chiesto di metterla in moto e l’ho accontentato”. Dopodiché l’aggressione. “Improvvisamente, senza che potessi accorgermene, mi ha dato una manata in faccia e un calcio. Io sono caduto indietro, mentre lui ha messo la prima ed è partito”. È successo tutto in una frazione di secondi. Il tempo di rendersene conto e il trentenne ha chiamato le forze dell’ordine. Gli agenti giunti sul posto hanno raccolto le dichiarazioni, per poi controllare anche la targa dell’auto con la quale l’aggressore ha raggiunto il luogo dell’appuntamento. Secondo quanto appreso la vettura è risultata rubata. Le indagini sono ancora in corso per risalire al responsabile.  

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo