Home Cronaca Bari, strage di ulivi centenari nelle campagne di Santo Spirito: vittima lo...

Bari, strage di ulivi centenari nelle campagne di Santo Spirito: vittima lo stesso olivicoltore colpito nel 2016

Ancora strage di ulivi monumentali nelle campagne del barese. A distanza di 2 anni, dopo i 40 ulivi tagliati nel 2016 per rivendere la legna, lo stesso olivicoltore nella stessa campagna a Santo Spirito ha subito lo scapitozzamento e il danneggiamento di altri 40 ulivi secolari. “Sono stati tagliati e danneggiati altri 40 ulivi secolari dello stesso olivicoltore – tuona il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele – che, episodio dopo episodio, oltre a perdere fiducia e speranza, appare in queste ore inconsolabile. Ogni albero garantiva circa un quintale di olive. È solo l’ultimo dei tanti casi, denunciati e non, che si sono registrati nell’area attorno all’aeroporto di Bari e nella zona tra Bitonto, Grumo e Palo”.

“Abbiamo scritto al presidente Emiliano – incalza il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti – perché la situazione risulta essere molto grave e gravi sono stati i segnali, manifestati dagli agricoltori, di scoramento che ha portato molti di loro, sul piano repressivo, a non denunciare più gli episodi delittuosi e, sul piano preventivo, ad organizzarsi in squadre e presidiare durante la notte le loro campagne. Iniziative delle quali è superfluo sottolineare la gravità, anche sotto il profilo dell’immagine. Per questo abbiamo chiesto che, di concerto con la Fondazione Osservatorio sulla criminalità in agricoltura, si proceda a concretizzare iniziative tempestive ed efficaci di presidio delle aree rurali”.

Furti e danneggiamenti sono praticamente quotidiani, denuncia Coldiretti Puglia, tanto da aver spinto alcuni agricoltori ad organizzarsi con ronde notturne e diurne, mentre altri si sono affidati a istituti di vigilanza. Oltre alla perdita di reddito, a rischio è la stessa incolumità dei nostri agricoltori, non certo un elemento trascurabile.

[bt_slider uid=”1531310768-5b45f2b079582″ target=”_blank” width=”0″ crop=”no” thumbnail_width=”800″ thumbnail_height=”600″ show_title=”no” centered=”yes” arrows=”yes” pagination=”bullet” autoplay=”5000″ speed=”600″][bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/m_PHOTO-2018-07-11-11-57-08 (1).jpg” title=”m_PHOTO-2018-07-11-11-57-08 (1).jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/m_PHOTO-2018-07-11-11-56-36.jpg” title=”m_PHOTO-2018-07-11-11-56-36.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/m_PHOTO-2018-07-11-11-57-11.jpg” title=”m_PHOTO-2018-07-11-11-57-11.jpg” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/m_PHOTO-2018-07-11-11-57-08 (2).jpg” title=”m_PHOTO-2018-07-11-11-57-08 (2).jpg” link=”” parent_tag=”slider”][/bt_slider]

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo