Home Cronaca Aggrediscono i poliziotti, minacciano un agente col taglierino e tentano la fuga:...

Aggrediscono i poliziotti, minacciano un agente col taglierino e tentano la fuga: due extracomunitari arrestati a Barletta

La loro presenza nel mercato rionale era stata segnalata alle forze dell’ordine da un ambulante. “Ci sono due cittadini extracomunitari che si aggirano con fare sospetto tra le bancarelle tentando di sbirciare nelle borse delle signore che affollano il mercato”. I poliziotti, quindi, hanno intercettato i due uomini nei pressi di largo Padre Pio per effettuare un controllo: lì, il caos.

Durante le prime fasi dell’attività di controllo, uno dei due uomini prima cominciava ad agitarsi e poi spingeva energicamente uno dei due poliziotti che cadeva per terra. Ne nasceva una colluttazione, con il fermato che riusciva a svincolarsi e a fuggire. Contestualmente, anche l’altro uomo, approfittando della circostanza, spingeva l’altro agente e, dopo averlo scaraventato letteralmente contro il muro, tirava fuori dalla tasca un taglierino che brandiva nervosamente sperando di riuscire a fuggire. Una speranza vana che veniva immediatamente stroncata dagli agenti. Poco dopo, anche il primo uomo veniva rintracciato e bloccato da personale della Polfer di Barletta nei pressi della stazione ferroviaria.

Alla luce di quanto accaduto, la Polizia di Stato ha quindi arrestato il 22enne gambiano Bubacarr Jallow e il 35enne guineano Mohamed Bah, entrambi in Italia senza fissa dimora. I due dovranno rispondere di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale con l’uso delle armi, nonché di possesso di arnesi atti allo scasso.

Dopo le formalità di rito, durante le quali veniva accertato che a carico dell’indagato Bah risultava pendente un rintraccio per l’esecuzione di un provvedimento cautelare in carcere relativo ad una rapina impropria di una bicicletta, i due arrestati venivano accompagnati presso il carcere di Trani.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo