/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Molfetta, entra in farmacia e lascia l'auto accesa: 22enne bitontino gliela ruba e lo trascina per 20 metri - VIDEO


Molfetta, entra in farmacia e lascia l'auto accesa: 22enne bitontino gliela ruba e lo trascina per 20 metri - VIDEO

Chiavi inserite nel quadro e motore acceso per una veloce consegna in una farmacia del centro cittadino. Inizia così la disavventura del 66enne molfettese, agente di commercio nell'ambito dei medicinali, che giovedì pomeriggio si è imbattuto in una coppia di ladri: l'uomo, infatti, non aveva fatto i conti con due giovani che, presumibilmente da tempo, lo stavano tallonando aspettando il momento opportuno per rubargli la sua Fiat Punto.

E infatti sono bastati pochi minuti a uno dei due giovani, un 22enne bitontino pregiudicato e legato a una delle più conosciute “consorterie criminali” del luogo, per entrare all’interno dell’abitacolo, inserire la marcia e tentare di scappare con l’auto. La reazione del 66enne, rapida quanto l'azione messa in atto dai ladri, non si è fatta attendere: l’uomo, catapultatosi fuori dalla farmacia, ha cercato di fermare il giovane ma dopo averlo afferrato al viso e tentata un'improbabile colluttazione, veniva trascinato, per circa 20 metri dal ladro che, non curante delle conseguenze che avrebbe potuto cagionargli, in retromarcia, fuggiva a folle velocità, zigzagando con abilità tra le auto parcheggiate per almeno 100 metri.

Le immagini dei sistemi di video sorveglianza della zona e le indicazioni di alcuni testimoni, però, consentivano di stringere il cerchio attorno all’esecutore materiale della rapina, per l’appunto il 22enne bitontino, il quale, nella mattinata di oggi veniva raggiunto a casa dai Carabinieri. Nei pressi della sua abitazione veniva rinvenuta anche l’auto rapinata, restituita al malcapitato che a seguito della caduta ha riportato, per fortuna, solo pochi giorni di prognosi.

Il giovane fermato, indiziato del delitto di rapina aggravata in concorso, è stato portato in carcere. Le indagini dei Carabinieri continuano per l’identificazione del complice.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.