Home Cronaca Mafia, morto in cella il boss pentito Antonio Di Cosola

Mafia, morto in cella il boss pentito Antonio Di Cosola

Sarebbe stato un infarto a stroncare la vita del boss barese Antonio Di Cosola, 64 anni, detenuto nel penitenziario di Monza. Il boss era sottoposto a programma di protezione, come la moglie e il figlio (entrambi in località protetta), dopo essersi pentito nel settembre 2015 e aver rivelato particolari relativi ai traffici illeciti degli ultimi decenn gestiti da lui stesso e dal clan di cui era il capo. Fino alla decisione di collaborare con la giustizia era stato detenuto al regime del 41 bis, il cosiddetto carcere duro. Antonio Di Cosola è stato coinvolto nelle più importanti inchieste sulla criminalità organizzata barese e condannato in via definitiva in diversi procedimenti per mafia. Il boss fu coinvolto (poi assolto con rito abbreviato) anche nell’inchiesta Domino, insieme con un altro capo clan barese, Savinuccio Parisi.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo