Home Cronaca Bari, rifiuti pericolosi stoccati abusivamente in carrozzeria di via Capaldi: scatta il...

Bari, rifiuti pericolosi stoccati abusivamente in carrozzeria di via Capaldi: scatta il sequestro

La Polizia Locale di Bari ha sequestrato un locale adiacente a un’autocarrozzeria di via Capaldi, al quartiere San Pasquale, all’interno del quale sono stati trovati rifiuti speciali pericolosi e non, stoccati senza alcuna autorizzazione. Il locale era pieno di lamiere, materiale assorbente pericoloso, filtri dell’estrattore di una cabina forno, pneumatici fuori uso e un bustone pieno di barattoli inquinanti con solventi e vernici. Tutta l’area, a quanto pare di proprietà del titolare dell’autocarrozzeria, era diventata un vero deposito di sostanze pericolose; c’erano infatti anche polveri di scarto, miscele, imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose, assorbenti e materiali filtranti. Il controllo si è concluso con il sequestro preventivo dell’intero locale e il deferimento all’ Autorità Giudiziaria dell’autore dell’illecito. Lo stesso é stato anche denunciato per la mancanza di autorizzazione alla emissione in atmosfera dei fumi prodotti dall’attività. Infine sono state elevate sanzioni amministrative perché il registro di carico e scarico dei rifiuti pericolosi e non prodotti nell’attività artigianale non era tenuto in modo completo.

 

[bt_slider uid=”1536920292-5b9b8ae49bedf” target=”_blank” width=”0″ crop=”no” thumbnail_width=”800″ thumbnail_height=”600″ show_title=”no” centered=”yes” arrows=”yes” pagination=”bullet” autoplay=”5000″ speed=”600″][bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/a1.JPG” title=”a1.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/a3.JPG” title=”a3.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/a4.JPG” title=”a4.JPG” link=”” parent_tag=”slider”] [bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/a2.JPG” title=”a2.JPG” link=”” parent_tag=”slider”][/bt_slider]

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo