Home Cronaca Bari, aggressione a corteo antirazzista. I legali: “Casapound nega l’assalto”

Bari, aggressione a corteo antirazzista. I legali: “Casapound nega l’assalto”

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Gli aderenti del circolo Kraken di Bari – CasaPound “negano di aver compiuto alcuna aggressione ai danni di alcuno il 21 settembre 2018 nei pressi di via Eritrea a Bari”. Lo dichiarano in una nota gli avvocati Michele Mirizzi e Francesco Maria Colonna Venisti, difensori di Giuseppe Alberga, responsabile del circolo, chiarendo che “il signor Alberga e gli iscritti al circolo Kraken sono pronti a prestare ogni collaborazione all’Autorità Giudiziaria per chiarire ogni passaggio”.

 

La nota fa riferimento all’aggressione subita nella tarda serata di venerdì da alcuni manifestanti che avevano partecipato al corteo antirazzista e antifascista nel quartiere Libertà, due dei quali feriti alla testa con bastoni, cinghie e tirapugni. A colpire sarebbe stato un gruppo di una decina di militanti di CasaPound. Ieri la sede e l’abitazione del suo responsabile sono state perquisite da agenti della Digos che stanno indagando su quanto accaduto e che al momento ipotizzano il reato di lesioni aggravate a carico di ignoti.

 

“Nell’abitazione del signor Alberga, – dicono i legali – è stata effettuata, dalle forze dell’ordine, una perquisizione domiciliare che ha dato esito negativo. Identico esito ha dato la perquisizione eseguita nel circolo Krakne – CasaPound in via Eritrea”. Circolo che è stato chiuso dalla sera dell’aggressione fino a ieri mattina, quando è stata eseguita la perquisizione. “Nessuna arma, propria o impropria, – chiariscono gli avvocati – è stata rinvenuta nella sede del circolo Kraken o nella disponibilità dei suoi aderenti. Va precisato inoltre che nessuno dei suddetti aderenti è stato sottoposto a fermo di polizia ovvero ad altro provvedimento costrittivo la libertà”, e “nessun aderente del circolo Kraken ha ricevuto avvisi di garanzia”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui