Home Cronaca Bitonto, trasformazione abusiva di un pascolo nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia: una...

Bitonto, trasformazione abusiva di un pascolo nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia: una denuncia

Un terreno di circa 50 ettari sequestrato e una persona denunciata per violazione alla normativa sull’inquinamento ambientale: questo il risultato dell’attività messa in atto dai Carabinieri Forestali nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia, dove i militari hanno scoperto una vasta area di terreno naturale recentemente dissodata e trasformata in terreno agricolo.

L’area, circoscritta nella località Rogadeo in agro di Bitonto, risulta essere non solo parte del Parco Nazionale dell’Alta Murgia ma anche area classificata Zona di Protezione Speciale e Sito di importanza Comunitaria, nonché sottoposta a vincolo paesaggistico e idrogeologico. La distruzione di habitat naturale tipico del Parco è categoricamente vietata dalle norme interne ed europee e per questo l’intera superficie è stata posta sotto sequestro preventivo. Il proprietario, un uomo di Bitonto già in precedenza deferito per gli stessi reati, è stato nuovamente segnato all’Autorità Giudiziaria di Trani.

“Oltre alle consuete violazioni alla normativa ambientale prevista a tutela delle aree protette e dei vincoli paesaggistici – spiega il maggiore Giuliano Palomba, comandante del Reparto Parco di Altamura –, per la prima volta è stata sottoposta all’Autorità Giudiziaria la valutazione di assoggettare i fatti contestati alla nuova fattispecie di cui all’articolo 452 bis del Codice Penale: si tratta del più generale e grave reato di inquinamento ambientale rafforzato della presenza di precisi vincoli”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo