Home Cronaca Botte ai medici del 118 arrivati in piazza per soccorrere il padre:...

Botte ai medici del 118 arrivati in piazza per soccorrere il padre: 23enne arrestato a Trani. Pugni anche ai carabinieri

Litiga in piazza con il padre, l’uomo viene colto da malore e all’arrivo dei medici del 118 intervenuti per prestare soccorso perde la testa: “ci avete messo troppo tempo”, dice, e giù botte. Per questo i carabinieri di Trani hanno arrestato un 23enne del posto con le accuse di resistenza, violenza a pubblico ufficiale, lesioni personali aggravate e interruzione di pubblico servizio.

L’episodio è accaduto ieri in una piazza della città. Durante una discussione tra il ragazzo e suo padre, quest’ultimo aveva accusato un malore, accasciandosi al suolo. Immediatamente il figlio richiedeva telefonicamente l’intervento dei sanitari del 118, i quali, giunti sul posto, dopo aver prestato i primi soccorsi e constatato che il paziente era vigile e cosciente, venivano accusati di aver impiegato troppo tempo per l’intervento e aggrediti dal 23enne, riportando lievi lesioni. Nonostante ciò, i soccorritori riuscivano a far salire il paziente in ambulanza, giungendo al pronto soccorso, dove, il ragazzo continuava a dare sfogo alla propria rabbia cercando di inseguire i sanitari fin dentro i locali dell’ospedale.

Fortunatamente, all’ingresso della struttura, era appena arrivata una pattuglia dei Carabinieri. I militari, richiamati dalle richieste d’aiuto del personale sanitario, si frapponevano tra l’aggressore e il medico, diventando a loro volta oggetto di calci e pugni. A nulla è valso lo sforzo messo in campo per fermare la furia del 23enne, il quale ha continuato a tirare pugni anche sulla porta d’ingresso dell’ospedale, volendo a tutti i costi entrare nella struttura con l’intento di continuare le sue azioni violente contro il personale del 118.

Solo l’intervento di altre due pattuglie di Carabinieri, giunte di rinforzo, consentiva di bloccare definitivamente  il 23enne e di trarlo in arresto. Il ragazzo, dopo le formalità di rito, è stato ristretto nel carcere di Trani.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo