Home Apertura Bari, baby-criminali in azione a Carbonara: rapinano un 20enne e lo riempiono...

Bari, baby-criminali in azione a Carbonara: rapinano un 20enne e lo riempiono di botte. Il più grande ha 16 anni

Hanno avvicinato un ragazzo alla fermata del bus, hanno tentato di strappargli il cellulare dalle mani e, incontrando l’inaspettata resistenza del giovane, lo hanno riempito di botte: una lunga serie di schiaffi e pugni, anche all’interno del bus e con il mezzo in movimento, interrotta solo diversi minuti dopo dall’intervento di un passante. Protagonisti della vicenda tre giovanissimi criminali baresi. Il più grande di loro, l’unico che i carabinieri hanno potuto arrestare, ha 16 anni e dovrà rispondere di rapina aggravata.

I fatti sono accaduti a Carbonara e l’odissea del 20enne, come detto, iniziava prima di salire sul bus e continuava durante la corsa. Vistosi braccato, giunto quasi all’altezza di casa, il ragazzo tentava di scendere repentinamente dall’autobus oltrepassando le porte in fase di chiusura, poco prima che la vettura ripartisse dopo una fermata. Il tentativo di allontanarsi dai suoi aggressori, però, falliva mestamente: i tre minorenni, infatti, determinati a portare a termine la propria missione criminosa, forzavano la chiusura automatica delle porte e riuscivano a scendere dal bus continuando nell’inseguimento, aggredendo di nuovo il ragazzo e costringendolo a consegnare loro il portafogli. Non soddisfatti del solo denaro contante, i tre estraevano dal borsellino anche le carte di credito, costringendo la vittima a fornire i codici pin. Un’azione che fortunatamente non si completava grazie all’intervento di un passante che, giunto in soccorso del giovane, metteva in fuga i rapinatori.

La vittima, quindi, veniva soccorsa dai sanitari del 118 arrivati sul posto mentre i carabinieri si mettevano sulle tracce dei tre criminali, identificati qualche tempo dopo grazie anche all’analisi delle telecamere di videosorveglianza presenti lungo il tragitto percorso dal bus. A finire in manette, però, è stato solo uno dei tre: gli altri due protagonisti dell’assurda vicenda, infatti, hanno meno di 14 anni.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo