Home Cronaca Parco nazionale Alta Murgia, riutilizzo di terre e rocce da scavo senza...

Parco nazionale Alta Murgia, riutilizzo di terre e rocce da scavo senza autorizzazione paesaggistica: tre denunce

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Tre persone denunciate dai Carabinieri Forestali e due terreni agricoli seminativi per una superficie di oltre 11 ettari sequestrati in località Ceraso, nell’agro di Altamura. Questo il risultato dell’attività di verifica e controllo sul corretto riutilizzo di terre e rocce da scavo che è stata condotta dai militari nel Parco nazionale dell’Alta Murgia.

I militari, infatti, hanno verificato che il sito oggetto di stoccaggio dei cumuli risultava molteplicemente vincolato e che il nulla osta rilasciato dall’Ente Parco risultava insufficiente a regolarizzare la pratica dovendosi altresì ottenere anche l’autorizzazione paesaggistica prevista dal “Codice del Paesaggio”.

Per questo le aree agricole sono state sottoposte a sequestro preventivo e tre soggetti nelle loro rispettive qualità di titolare dei cantieri di scavo, usufruttuario e comproprietario dei terreni sono state denunciate alla magistratura di Bari.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui