Home Cronaca Bitonto, violenza e minacce per evitare controlli sui pc del centro scommesse:...

Bitonto, violenza e minacce per evitare controlli sui pc del centro scommesse: in manette il titolare e suo fratello

Immagine di repertorio
Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Il 22 maggio scorso, nel corso di una verifica amministrativa presso la sala scommesse Free World di Bitonto, con violenza, uso di un’arma e minacce nei confronti dei familiari, avevano costretto gli ispettori dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato di Bari a omettere i controlli sui pc presenti nell’esercizio e a redigere un falso verbale. Per questo nella serata di ieri, a Taranto, i carabinieri hanno arrestato Angelo Dedamiani, titolare del centro scommesse, e suo fratello Massimo per il reato di violenza e minaccia a pubblico ufficiale, aggravato dall’uso di un’arma.

I computer, la cui presenza all’ interno della sala scommesse era stata rilevata anche in seguito a una successiva verifica amministrativa eseguita il 3 luglio scorso da Finanza e Carabinieri, con redazione di verbale nel quale si constatava l’idoneità alla connessione telematica per siti di gioco online, non sono stati rinvenuti in occasione dell’esecuzione delle operazioni di perquisizione e sequestro disposte immediatamente dopo dalla Procura.

L’arresto è avvenuto a Taranto, in Questura, dove i fratelli Dedamiani si sono presentati dopo l’emissione del provvedimento di latitanza.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui