Home Apertura Lotta tra clan per il controllo del territorio: 13 arresti a Bari...

Lotta tra clan per il controllo del territorio: 13 arresti a Bari tra Madonnella, San Paolo e Japigia – I NOMI

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Il tribunale di Bari ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 13 persone,  già colpite il 5 dicembre scorso da provvedimento di fermo. Le persone fermate in quella circostanza erano state in tutto 14 ma per una di esse, pur riconoscendo la sussistenza del quadro indiziario, il GIP non ha disposto alcuna misura per carenza di esigenze cautelari. Gli arrestati sono ritenuti tutti appartenenti a due sodalizi criminali del capoluogo: il gruppo Di Cosimo–Rafaschieri, operativo nel quartiere Madonnella, e all’articolazione del quartiere San Paolo del clan Strisciuglio. Uno degli arrestati, invece, è ritenuto vicino al clan Parisi-Palermiti-Milella di Japigia.

I fermi erano giunti al termine di indagini avviate a gennaio sul conto dei Di Cosimo–Rafaschieri. In particolare, l’attività investigativa ha consentito di documentare la sinergia criminale venutasi a creare tra il clan del Madonnella e gli Strisciuglio del San Paolo: una ‘amicizia’ facilitata dalla figura del latitante 40enne Giovanni Di Cosimo, irreperibile dal mese di giugno del 2017 dopo essere evaso dai domiciliari e scovato, nel corso delle indagini, a Durazzo, da dove manteneva i contatti con i sodali rimasti a Bari.

In questo contesto, a partire da febbraio, veniva  documentato l’insorgere di contrasti tra i Di Cosimo–Rafaschieri e alcuni esponenti del clan Parisi–Milella-Palermiti del quartiere Japigia in relazione a una presunta manovra ordita dai primi nel quartiere Madonnella e finalizzata a estendersi criminalmente nella porzione di territorio di quel quartiere sottoposto al controllo illecito dei secondi. Nel corso dell’estate, poi, il conflitto già latente tra i due gruppi scoppiava a seguito della discesa in campo degli Strisciuglio in aiuto dei Di Cosimo-Rafaschieri.

I reati contestati agli arrestati sono detenzione e porto in luogo pubblico di armi comuni da sparo, esplosione di colpi d’arma da fuoco in luogo pubblico ed estorsioni. Tutti reati aggravati da metodo e finalità mafiose. Gli Strisciuglio, quindi, sarebbero intervenuti in aiuto del clan Di Cosimo-Rafaschieri nel conflitto in corso con i Parisi. Un conflitto che nei mesi ha portato sotto la luce dei riflettori due agguati: quello del 18 settembre (ferito a Madonnella Andrea Fachechi) e quello del 24 settembre (a Carbonara nei confronti dei fratelli Walter e Alessandro Rafaschieri). Ne sarebbe derivata una volontà di vendetta con una serie di “riunioni criminali”, tutte nel quartiere San Paolo e alle quali avrebbero partecipato fino a 15 persone, finalizzate a organizzare i commando per “l’imminente confronto armato con i rivali del quartiere Japigia”. Le indagini hanno documentato anche due estorsioni al titolare di una rivendita di pneumatici del quartiere Libertà (10 mila euro in tranche da 500) e al proprietario di una rivendita di vini del quartiere Madonnella (10 mila euro).

L’ELENCO DEGLI ARRESTATI:

GRUPPO “DI COSIMO – RAFASCHIERI”, ATTIVO NEL RIONE MADONNELLA:

  1. DI COSIMO CRISTIAN, 38ENNE, CENSURATO, DETENUTO DOMICILIARE;
  2. RUGGIERO TOMMASO, 28ENNE, CENSURATO;
  3. TEMPESTA MARCO, 29ENNE, CENSURATO;
  4. LADISA COSIMO DAMIANO,33ENNE, CENSURATO;
  5. LOVERGINE IVAN,27ENNE, CENSURATO,

CLAN “STRISCIUGLIO”, ARTICOLAZIONE TERRITORIALE DEL QUARTIERE SAN PAOLO:

  1. MASTROGIACOMO FRANCESCO, 28ENNE, CENSURATO;
  2. DE SANTIS SAVERIO, 30ENNE, CENSURATO;
  3. LANAVE LUCA, 28ENNE, CENSURATO IN ATTO DETENUTO PRESSO CASA CIRCONDARIALE DI BARI;
  4. RAGGI GIOVANNI, 25ENNE, CENSURATO;
  5. DI LEO DANIELE, 22ENNE, CENSURATO;
  6. GISMONDO FRANCESCO, 21ENNE, CENSURATO;
  7. MEZZINA TROIANI ROBERTO, 27ENNE, CENSURATO, DETENUTO DOMICILIARE;

CLAN PARISI – PALERMITI – MILELLA, OPERATIVO NEL QUARTIERE DI JAPIGIA E MADONNELLA:

  1. DI LAURO BRUNO, 32ENNE.
Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui